Vivere Verde: un blog dedicato alle soluzioni ecologiche: casa, persona, animali, giardino, salute, benessere, cucina vegana e vegetariana, alimentazione

12 marzo 2009

Come prendersi cura del criceto


Queste piccole creature hanno bisogno di un po' di tempo per affezionassi a chi si prende cura di loro. maneggiare bruscamente un criceto troppo giovane e nervoso significa prendersi un morso. Il momento migliore per abituarlo a essere preso in mano è quello dei pasti. I criceti immagazzinano parte del cibo in borse situate nelle guance e lo masticano in seguito; è proprio mentre sono occupati nella prima operazione che si potrà accarezzarli con un dito lungo la schiena.

Aumentare ogni volta la dose di carezze fino a che una volta terminato di mangiare, permetteranno di essere presi in mano.

la gabbia deve essere di 60X30X30 cm, costruita in legno duro, plastica pesante o metallo. Il fondo va rivestito con fogli di giornale o con un strato di sabbia. I criceti tendono a sporcare sempre in uno stesso punto, perciò sistemare nella gabbia un piccolo contenitore di metallo con della sabbia da essere cambiata ogni giorno.

Eliminare gli avanzi di cibo due volta alla settimana e il giornale o la sabbia almeno 1 volta alla settimana.

Il criceto potrà essere nutrito con fiocchi d'avena, chicchi di grano, semi di girasole e prodotti preconfezionati comprati nei negozi per animali. Mangiano anche mela, carote e cavoli e potete offrire una volta alla settimana un pezzettino di mozzarella, chiedete sempre al veterinario le quantità di cibo necessarie per l'animale che non dovrà essere troppo poca (rischio ma nutrizione) ma nemmeno eccessiva ( rischio impaccamento delle tasche guanciali). Devono SEMPRE avere acqua fresca disponibile.  

Dare a loro un pezzo di legno dolce da rosicchiare come legno di melo, nocciolo o salice. Molte volte vendono nei negozi per animali.

I criceti sono animali notturni e sensibili ai colpi di calore e di freddo. Dovrebbero vivere in una stanza a una temperatura costante di 18°C e lontani dalle correnti d'aria. La gabbia deve star lontana da cani e gatti e anche dalle finestre e radiatori.

Assicuratevi che la lettiera della gabbia sia soffice e costituita da fibre naturali. la paglia non è adatta perché potrebbe ferire le borse anatomiche. 

Un criceto tenuto bene può anche vivere più di 2 anni.

6 commenti:

pedro w il re francese ha detto...

mi avete aiutato grazie!

pedro w il re francese ha detto...

mi avete aiutato grazie !:
io mi sono appena comprato un criceto

Vivere Verde ha detto...

ah! bello!!!!!... in bocca lupo per questa nova "amicizia! :)

claudia dentamaro ha detto...

Anche io ho comprato da poco il mio primo criceto.ora si fa accarezzare ma solo sotto il muso.se sposto il dito avvolte scappa.vorrei tanto poterlo prendere in mano.è possibile lavarlo?

Vivere Verde ha detto...

ciao Claudia, vedrai che con il tempo sarà lui ad avvicinarsi, magari metti un pochino di cibo sul palmo della mano e mettila davanti a lui ma senza forzature, rimane li ferma con un po' di cibo sulla mano e aspetta che si avvicini lui. Magari dovrai avere la pazienza di farlo ogni giorno ma come si dice: gli animali hanno il loro tempo :)

quanto al bagnetto loro non vanno lavati con acqua perché sono molto delicati, comunque dovrai mantenere la gabbia molto pulita. Cosi facendo vedrai che l'animaletto non puzzerà mai. I criceti si puliscono da soli un po' come i gatti ma sono ancora più puliti. Puoi mettere della sabbia per cincillà dentro alla gabbia cosi che lui possa strofinarsi e pulirsi più a fondo. Ci sono anche degli spray a secco per la pulizia di questi animali nei negozi per animali.

claudia dentamaro ha detto...

Grazie mille...sei molto gentile :)

Powered By Blogger | Template Created By Lord HTML