Vivere Verde: un blog dedicato alle soluzioni ecologiche: casa, persona, animali, giardino, salute, benessere, cucina vegana e vegetariana, alimentazione

28 marzo 2010

Lavaggio della lana/capi extra delicati in lavatrice.



Prima di mettere i capi in lavatrice infilate quelli più delicati dentro ad una calza lunga in nylon precedentemente insaponata con sapone di marsiglia*, quindi chiudete la calza e mettetela in lavatrice assieme ai capi meno delicati (normalmente la lana in cui nell'etichetta c'è scritto che si tratta di un capo lavabile in lavatrice)

Mettete il vostro detersivo per bucato adatto alla lana e capi delicati e aggiungete 1 cucchiaio di aceto bianco o di mele per ogni capo di bucato. Potete aggiungere tranquillamente l'aceto senza paura di diminuire il potere pulente del detersivo, i capi comunque escono lavati dalla lavatrice (l'ho fatto e ho potuto costatare che erano molto puliti).



Perché l'aceto? Un lavaggio acidulo mantiene le fibre della lana lisce e chiuse e quindi combatte l'infeltrimento. Un PH acidulo è ideale per la bellezza della lana. Potete usare del succo di limone al posto dell'aceto.

E' importante usare un detersivo specifico per la lana e delicati perché gli altri detersivi per bucato, anche se ecologici non hanno PH neutro e contengono enzimi che danneggiano la lana e provocano infeltrimento.

Un detersivo davvero ottimo per lavare i capi in lana è il detersivo biologico della Sonett all'olio di oliva e olio di colza. I capi escono morbidissimi dalla lavatrice. Un'opzione valida nei supermercati è il detersivo per lana e delicati ecologico della marca Winni's.


Usate il ciclo della lana o del bucato a mano a 30 o 40 gradi (massimo). Potete togliere la centrifuga durante il lavaggio e farla solo quando il ciclo del bucato è finito. Una leggera passata di centrifuga a 500 o 700 giri per pochi minuti. 

Come ammorbidente non bisognerebbe usare nulla perché la miscela di aceto+detersivo ammorbidisce i capi, però volendo potete usare dell'ammorbidente biologico.

Detersivo per lana fai da te:

500 ml di shampoo neutro bio o ecologico
100 ml di balsamo per capelli
1/4 di bicchiere di aceto di mele
10 gocce di OE di lavanda o altro del vostro gradimento

Mischiare e usare 1 cucchiaio per ogni 2 capi di abbigliamento






7 commenti:

bilibina ha detto...

Grazie del consiglio, non mi sono più azzardata a mettere in lavatrice capi in pura lana dopo alcuni disastri iniziali..Proverò con la calza!
Ciaocontro

Anna ha detto...

Ciao V.V. tutto bene? ma per calza, intendi una nostra calza di nailon o una normale calza di cotone? Non ci sta comunque troppo strizzato il capo che ci infilerai?
Grazie, un affettuoso abbraccio e...
BUONA PASQUA.
Anna

Saretta ha detto...

capita a fagiolo, visto il cambio degli armadi!Va bene anche per il cachemire?Grazie per i preziosissimi consigli!

Simona ha detto...

sarebbe magnifico... io odio lavare i maglioni di lana a mano. Ma la calza si intende una collant, giusto?
grazie

Vivere Verde ha detto...

ciao ragazze, ovviamente meglio sarebbe lavare a mano la roba più delicata, però se uno non ha un lavello bello capiente diventa proprio difficile lavare il maglione nel lavello del bagno e nella bacinella, specie quando uno non ha tempo e spazio.

comunque si la calza è quella fina di nylon e si Anna (tutto bene e te? Fa' bel tempo da te finalmente?) il capo rimane li un po "insalsicciato" però almeno così si evitano gli urti violenti contro il cestello cosa che fa' infeltrire i maglioni....

Anna ha detto...

Grazie mille V.V., sempre preziosissimi i tuoi consigli!!!
Si anche per me tutto bene, ma il tempo è ancora molto instabie, anche se la temperatura si è finalmente alzata un pò e nel'aria si comincia a sentire profumo di primavera!
Un bacione
Anna

Leilaluna ha detto...

^_^

Powered By Blogger | Template Created By Lord HTML