.

02 luglio 2010

Detersivo fai da te per la lavatrice


Alcune persone mi hanno chiesto se era possibile usare qualche detersivo fai da te fatto con il sapone di marsiglia direttamente in lavatrice e che fosse anche facile di preparare (apro una parentesi, ultimamente ho guardato poco la mail del blog per assoluta mancanza di tempo, ho davvero tanti mail da aprire, vi chiedo scuse e vediamo se questo mese riesco a leggere tutto quanto).

Io a priori sconsiglierei l'uso del sapone di marsiglia in lavatrice, perché il sapone (anche se a scaglie), a contatto con l'acqua dura, non si sciogli e s'incolla nei panni e nelle tubature e può eventualmente intasare il tubo di scarico.

Però diciamo che c'è un modo per usare il sapone in lavatrice, ovvero di preparare un detersivo fai da te per la lavatrice con il sapone di marsiglia, però non può competere con un normale detersivo chimico per il bucato, la roba è sempre pulita però il sapone ha dei componenti sbiancanti, additivi e cose varie che non esistono nel sapone, però se vi accontentate di avere un bucato pulito senza la ricerca del più bianco non si può, magari può fare al caso vostro.

Allora, si fa' cosi:

Si prende un pezzo di tessuto o una calza di nylon (meglio se usate la calza 1/4), e si mettono dentro: 100 gr di sapone di marsiglia a pezzi piccoli o grattugiato (o 100 gr di pasta di sapone di marsiglia e in questo caso non bisogna aggiungere sale), e sempre dentro al sacchetto si aggiungono: 2 cucchiai di bicarbonato, 2 cucchiai di soda solvay e 2 cucchiai di sale grosso.
Chiudete molto bene il sacchetto con un elastico nel caso del tessuto o date un nodo molto stretto alla calza.

Nel cestello mettete 2 cucchiai di bicarbonato e 2 cucchiai di soda solvay e 1 cucchiaio di sale grosso, e se il bucato è bianco aggiungete 3 cucchiai di percarbonato.

Mettete il "sacchetto detersivo" in lavatrice sul fondo del cestello, mettete il bicarbonato, sale e percarbonato e poi il bucato. Temperatura minima da essere usata: 40 gradi.

Usate come sempre l'aceto al posto dell'ammorbidente.

Per ottimizzare l'effetto pulente del sapone sarebbe meglio inserire 2 palline da tennis nel cestello per sbattere i panni.

Comunque prendere questa "strada alternativa" per fare il bucato, non vuol dire di debba avere per forza un bucato spento, ci sono degli sbiancanti molto efficaci tali come il percarbonato e l'acqua ossigenata che possono essere inseriti in lavatrice, oppure l'ammollo con acqua calda, limone e sale. E per i panni più sporchi si può fare l'ammollo oppure pretrattate le macchie, abbiamo già trattato di questi argomenti.

Ripeto che non si può aspettare l'effetto sia lo stesso di quello che si ottiene usando il detersivo normale da bucato perché questi sono giustamente studiati per penetrare a fondo sui vestiti e sostituire l'effetto meccanico che usavano le signore di un tempo quando lavavano appunto i vestiti a mano.

Mi ricordo ad esempio mia nonna che abitava in campagna e lavava i vestiti a mano con sapone fatto da lei. Diciamo che lei non si fidava dalla lavatrice e quindi preferiva lavare tutto a mano, poi all'epoca non era facile acquistare la lavatrice come oggi.

Quindi lei strofinava tutto i panno con il sapone e poi li sbatteva contro il lavatoio in cemento, si sentiva da lontano il rumore e si sapeva quindi che quel giorno era io giorno del bucato.

Poi lei li metteva in ammollo in acqua bollente, bicarbonato e tanto sapone, il giorno dopo lei risciacquava tutto e poi immergeva la roba in acqua calda in cui lei inseriva sempre del decotto di lavanda, chiudeva il tinello con degli asciugamani e poi li stendeva.

La roba bianca era lavata o col la cenere (l'acqua del filtrato della cenere o con limone, sale e acqua calda) e poi tanto sole.

Però era un lavoraccio tanto che poi con l'eta lei per forza ha dovuto iniziare ad usare la lavatrice, anche se non voleva, tanto che ancora oggi qualche cosa ancora la lava a mano, come i suoi preziosi canovacci, centrini ecc.

Va bene, oggi chi ha il tempo e la voglia di fare tutto ciò, per cui magari si può optare una "via di mezzo"...


10 commenti:

Anonimo ha detto...

Grazie del post! Occhio che qui è da correggere "detersivo" con !"ammorbidente", credo.

"Usate come sempre l'aceto al posto del detersivo."

rosa

Vivere Verde ha detto...

grazie 1000 cara :)

terry ha detto...

ciao nikka, a proposito di detersivi volevo un consiglio! Ho comprato un detersivo liquido, Anzi due bottiglie grandi(era in offerta!!), pero' quando ho tirato il bucato fuori dalla lavatrice, l'odore non mi piaceva per niente!! Allora ti chiedo....., esiste un qualcosa per rendere piacevole il profumo di questo detersivo? che secondo me puzza proprio (forse apposta l'hanno messo in offerta!!!!) Lo so che tu riuscirai a trovare qualcosa!! Grazie come sempre!! Terry

Vivere Verde ha detto...

ciao Terry, quanto tempo :)

è successo anche a me una volta, io all'epoca ho messi 1 cucchiaio di olio profumato all'arancio dentro alla bottiglia+3 cucchiai di bicarbonato e la ho agitata per bene, e devo dire che la situazione è migliorata, il bucato non puzzava più.

Anonimo ha detto...

Utilissimo questo suggerimento, senz'altro, però più speciale ancora è stato il racconto su un pezzo di vita quotidiana di tua nonna, una semplice signora di campagna che viveva in armonia con l'ambiente che la circondava. Leggendo il racconto mi sembrava di vederla mentre faceva il bucato.

A me ha colpito molto questo pezzo:

"immergeva la roba in acqua calda in cui lei inseriva sempre del decotto di lavanda".

Mi da una idea di nostalgia e di semplicità, e anche di freschezza, pena che oggi questi ritmi non esistano più...

complimentoni per il blog, tu riesce a trattare di temi tendenzialmente freddi e anche antipatici come le faccende domestiche, o un po' impegnativo come l'ecologia, in un modo leggero e anche divertente, sento proprio una buona energia in questo spazio.

Ci tornerò sempre.

Lucrezia.

Vivere Verde ha detto...

ti ringrazio molto per le belle parole :)

nei tempi di mia nonna la vita magari era più dura, però era anche, in un certo senso, più piacevole nella sua semplicità....

infatti il profumo della lavanda mi ricorda mia nonna visto che lei ne aveva tante in giardino, e alla fine della fioritura, mia nonna le essiccava per usarle durante l'anno.

artemisia ha detto...

ciao vivere verde, volevo kiederti se, x caso, esiste un detersivo x il bucato, tipo quelli x la cucina e x il bagno.ecco qualcosa ke nn bisogna preparare ogni volta ke si fa il bucato, diciamo preparato in precedenza e pronto sempre x l'uso.ti rinnovo i complimenti x il tuo blog, interessante semplice kiaro e...bellissimo.grazie!!!!

Vivere Verde ha detto...

ciao artemisia, purtroppo no cara, non esiste un detersivo fai da te pronto diversi usi...

Anonimo ha detto...

Ciao Vivere Verde, ho appena trovato questo fantastico blog e non riesco a staccarmene perchè continuo a leggere qualsiasi post. Vorrei però fare una domanda relativamente al bucato in lavatrice. Ho letto in molti post che parli di aggiungere 1 cucchiaio (se non sbaglio) di sale grosso al detersivo con 1 di bicarbonato. Io sto vivendo in Rep.Dominicana e purtroppo ho problemi a trovare il sale grosso. Posso usare quello fino? Grazie mille per i numerosissimi consigli nel blog!! Debora

Vivere Verde ha detto...

ciao Debora, grazie 1000, puoi usare il fino, però metti 2 cucchiai in piu

Powered By Blogger | Template Created By Lord HTML