Vivere Verde: un blog dedicato alle soluzioni ecologiche: casa, persona, animali, giardino, salute, benessere, cucina vegana e vegetariana, alimentazione

30 settembre 2010

come lavare i capi in lana/delicati a mano usando sapone di marsiglia


Alcuni capi in lana non possono essere lavati in lavatrice (da leggere sull'etichetta), e quindi in questo caso dovete lavarli a mano.

Per farlo seguite questo passo passo:

1) Pretrattare la zona ascellare: spruzzare dell'aceto bianco puro

2) Dopo una quindicina di minuti (minimo), immergete il capo in acqua tiepida in cui avete messo del detersivo per il bucato, o avete sciolto un po' di sapone di marsiglia.

3) Sarebbe meglio non strofinare o strizzare la lana, quindi dentro alla bacinella prendete il capo e muovetelo di un lato a l'altro della bacinella

4) lasciate il capo in ammollo per una quindicina di minuti, poi mettetelo in una bacinella con acqua tiepida, poi risciacquatelo tenendolo aperto sotto l'acqua corrente.

5) Immergetelo in una bacinella con acqua e aceto (3 litri d''acqua e 1 bicchiere di aceto bianco) per 10 minuti e stendete.

Macchie: possono essere tamponate con un cottone o tessuto insaponato con sapone di marsiglia. La lana bianca può essere pretrattata anche con dell'acqua ossigenata 40V.

Sulla lana non si usa: soda solvay, bicarbonato, detersivo in polvere (tranne se specifico per la lana), sapone che non sia il vero marsiglia.

Altra soluzione QUI

5 commenti:

Ago ha detto...

Ma quanto sono belli ed utili i tuoi consigli...ogni volta che devo fare grandi pulizie vengo da te a leggere come lavare questo o quell'altro e devo dire che tutto quello che hai scritto fino ad oggi, mi è stato sempre molto utile! :-D
ti linko al mio blog, sono certa che sarà lo stesso per tante altre persone! :-D
Grazie anche per questi consigli sui capi in lana, non sapevo proprio di poter trattare la zona ascellare così...in effetti, il capo poi risulta molto più pulito e non ci sarà rischiodi tarla, vero?
Tanti bacioni
Ago

Vivere Verde ha detto...

ciao Ago, grazie 1000, e complimenti per il blog, è davvero molto bello!!!

Comunque si l'aceto neutralizza odori e macchie di sudore (che attrae i tarli) eppure igienizza il capo.......

A presto :=)

Anonimo ha detto...

Cercavo giusto un modo per eliminare l'odore di sudore che spesso rimane sui capi!!posso spruzzarlo anche sulle magliette che poi lavo in lavatrice?Io di solito insaponavo col sapone di marsiglia ma così si fa molto prima!!

Linda

consuelobaggio ha detto...

Ciao, sono entrata in questo sito per caso e me ne sono innamorata!
Ho letto e messo in pratica tutto ciò che riguarda bucato e pulizie varie, ma ho qualche dubbio: nel lavaggio di capi di lana o velluto o delicati si usa il sale? E la soda solvey non " l'ho afferrata" molto bene, per i Bianchi e cotoni sporchi come jeans da lavoro, e' meglio usare il percarbonato o la soda?
Ti ringrazio tanto e saluto tutti
Consuelo

Vivere Verde ha detto...

ciao consuelo benvenuta!!!

guarda si può usare il sale per lavare qualsiasi tipo di bucato.
quando ai tessuti delicati tipo lana, seta, velluto non si deve usare la soda solvay perché questa inaridisce questi tessuti.

la soda solvay non è un sbiancante, ma serve piuttosto per addolcire l'acqua (calcare), smacchiare alcuni tipi di macchia specie quelle grasse, e aumentare il potere pulente del detersivo.

per sbiancare i tessuti in generale si usa il percarbonato, un ottimo sbiancante già attivo a 40 gradi, però cosi come la soda solvay, anche il percarbonato non va usato sulla lana e seta, in questi casi si candeggia con acqua ossigenata a 40V (quella cosmetica che si usa per fare i colpi di sole o per mischiare la tinta per capelli). Nel caso della seta si può usare acqua, limone e sale per candeggiare.

Powered By Blogger | Template Created By Lord HTML