.

25 febbraio 2013

Barbara uccisione dei cani in Romania e giochi olimpici giovanili.


Paesi diversi e casi simili... tempo fa in Ucraina molti cani randagi hanno pagato con la vita la decisione del mondo dello sport di realizzare li gli Europei di Calcio. Ricordiamo tutti il massacro e le torture che quei cani hanno e ancora oggi subiscono dopo che il governo ha incentivato l'uccisione cruenta di tutti gli animali. Purtroppo la situazione anche se migliorata non è che è risolta, purtroppo i torturatori hanno preso gusto e uccidono ancora.

Però in un altro paese: La Romania, nello specifico Brasov si realizzeranno i Giochi Olimpici Giovanili e sta accadendo la stessa cosa: tanti cani vengono avvelenati, uccisi a botte, insomma un nuovo massacro. Tanto che l'OIPA sta chiedendo a tutti i cittadini di inviare una mail contro questa situazione tremenda.

Il testo per la mail+indirizzi e informazioni potete trovare qui, io ho già inviato la mail

3 commenti:

ecchi ecobio ha detto...

ciao cara! ho trovato il tuo blog attraverso carlitadolce, è stupendo ed è bello anche il tuo impegno per gli animali :) pure io cerco di seguire uno stile di vita il più eco possibile e ho un blog di cosmesi fai-da-te, passa da me, ho piacere! kiss
Ecchi

http://naturalmente-belli.blogspot.it

Maura ha detto...

Fatto.
L'anno scorso avevamo fatto passaparola tra amici di blog per spedire tante lettere di protesta in ukraina, polonia ect.
Ho dovuto fare diversi tentativi, pur cambiando il corpo delle mail, perchè tornavano sempre indietro.
Non fermiamoci al primo rifiuto!
Buona serata.

Vivere Verde ha detto...

si infatti è brutto che lo sport che in teoria dovrebbe essere una cosa bella e pulita abbia a che fare con massacri come questi.. è terribile!! Secondo me gli organizzatori dovrebbero essere più rigorosi con i paesi ospiti: nessun maltrattamento ad animali e bambini (anche i bambini di strada soffrono con questi eventi)... non s può più!! E io che pensavo di fare un viaggio a Brasov quest'anno, ora ci ripenso. Magari sono radicale però ad esempio io in Spagna non ci vado proprio finché non aboliscano al 100% quelle feste indecenti basate sul maltrattamento dei tori.

Powered By Blogger | Template Created By Lord HTML