.

08 luglio 2013

10 anni di carcere per avere ucciso un gattino


Una notizia dagli Stati Uniti e magari diventasse realtà anche da noi...

La Corte della Contea di Dallas ha inflitto una pena esemplare al trentaseienne Edwon Julian che sconterà infatti dieci anni di carcere per avere ucciso il gatto della  fidanzata. Questa "persona" dopo una lite con la fidanzata e quindi in preda ad un scatto di ira ha afferrato il gattino Kisses per la coda e lo ha lanciato violentemente dal secondo piano

Un'altro motivo per cui la pena è stata cosi pesante è perché il soggetto in questione era già stato incarcerato in passato per azioni di violenza nei confronti di una bambina di 3 anni.

In America è nota la posizione generale che vede i reati contro gli animali intrinsecamente connessi a quelli sugli esseri umani. E abbiamo già parlato qui sul blog diverse volte: chi ha il coraggio di commettere gesti violenti verso gli animali prima o poi può fare del male pure ai bimbi e altre persone, purtroppo i crimini contro gli animali spesso vengono presi alla leggera mentre invece dovrebbero essere puniti in modo esemplare.

Notizia presa da All Animals

2 commenti:

Laura ha detto...

Concordo in pieno con la sentenza! Purtroppo è vero: chi comincia da piccolo a far male agli animali, 9 volte su 10 diventa un adulto che farà del male anche alle persone. E comunque è già grave far male agli animali (certe persone a volte se lo meritano, gli animali proprio no!).

Vivere Verde ha detto...

è verissimo!!

Powered By Blogger | Template Created By Lord HTML