Vivere Verde: un blog dedicato alle soluzioni ecologiche: casa, persona, animali, giardino, salute, benessere, cucina vegana e vegetariana, alimentazione

25 luglio 2013

Perché a volte gli oli vegetali non idratano certi capelli crespi e secchi



Sapiamo che una capigliatura è diversa dall'altra e quindi una cosa che per una va benissimo per l'altra può fare davvero schifo. Comunque se i vostri capelli non amano gli impacchi con gli oli vi darò un consiglio: provate a mischiarli ad una maschera.

Certi capelli hanno bisogno della miscela olio+maschera per riuscire ad assorbire gli effetti emollienti degli oli naturali. I miei capelli ad esempio funzionano in questo modo: se uso solo la miscela di oli o risultati cosi cosi, invece se faccio una miscela oli+maschera o olio+burro vegetale o addirittura oli+burro+maschera il risultato è perfetto.

Stesso consiglio dopo l'applicazione del hennè, infatti alcune ragazze si ritrovano con dei capelli di paglia dopo il hennè e i capelli sono tutt'altro che lucenti. Per avere dei capelli lucidi e idratati con dei bei riflessi  applicate una miscela di maschera e olio dopo la colorazione.

Quale maschera posso usare? Quella che piace a voi e meglio ancora se composta da burro vegetale (karitè, cacao, avocado ecc).

14 commenti:

anna y valdez ha detto...

Ci proverò perché gli impacchi con oli puri mi seccano i capelli. Ma per caso sapresti dirmi perché ad alcune persone il hennè va cosi bene mentre ad altre va malissimo? Ho usato il hennè e mi sono trovata con dei capelli stopposi e brutti però su internet le persone dicono che il hennè è il prodotto ideale per i capelli.

Vivere Verde ha detto...

ma sai anna qualunque prodotto per capelli che sia naturale o meno ha effetti doversi su capigliature diverse. A volte su internet mi è capitato di vedere discussioni lunghissime su qualche prodotto cosmetico però la verità è che alla fine nessun parere è sbagliato poiché un prodotto che va bene per me potrà essere disastroso per qualcun'altro. Il hennè per alcuni capelli è ottimo per altri, soprattutto per chi ha i capelli crespi, aiuta a inaridire. Per questo ho raccomandato l'uso di una maschera idratante da essere fatta dopo la colorazione.

Deshna Francesca ha detto...

Con me sfondi una porta aperta: io ho ereditato i capelli afro da mio padre e adesso li ho rapati ancora con la lama di 4 mm. Ero sul punto di farli crescere di nuovo, magari farmi rasta, ma proprio stavo male ogni mattina guardandomi allo specchio perché erano nella fase né lunghi né corti e con nodi, secchi, spenti.... na schifezza proprio.

Però ho trovato sempre tantissimo beneficio dalla crema di cocco puro, senza schifezze che per anni ho comprato nei negozi africani.

Una vera manna, non potevo credere come il pettine schivolasse.

E' che adesso non ho proprio tempo, mia sorella che invece li ha seppur ricci meno crespi e che le crescono all'ingiù e non sparati come a me, si trova benissimo dopo ogni doccia, pettinare e sciacquare.

E' molto importante poi considerare tutta la struttura del capello e cuoio capelluto, rispettando l'acidità. Gli oli sono tutti tendenzialmente acidi e chiudono le cuticole, basta che poi non li friggiamo al sole o con le piastre! (e su questo, della stiratura, potrei parlarne a lungo, non so come ho ancora dei capelli in testa!)

Vivere Verde ha detto...

ciao Francesca, l'olio e le crema a base di cocco sono eccellenti. I capelli afro sono i più difficili da idratare poiché sono molto cheratinizzati quindi gli agenti idratanti fanno un po' fatica a fare il lavoro loro, soprattutto perché in Italia l'acqua è molto dura e il calcare non è di aiuto.

Comunque i burri vegetali sono indicatissimi per chi ha i capelli afro. Una miscela di burro di karitè, olio di cocco, argan e macadamia aiutano a "organizzare" la fibra capillare e la lasciano più lucente e setosa.

Più i capelli sono secchi più è necessario comprare prodotti a base di burro e oli molto grassi, le piantine fanno poco per i secchi e aridi, al massimo li lucidano un pochino ma non li idratano.

Comunque l'olio ideale per le capigliature afro è l'olio di ricino: idrata a fondo perché penetra facilmente nelle fibre dei capelli , li liscia e velocizza la crescita dei capelli. L'odorino è un po' cosi però sparisce con il lavaggio.

Ste ha detto...

In effetti da quasi un anno utilizzo almeno una volta a settimana l'olio di oliva che lascio in posa almeno un paio di ore prima dello shampoo. I miei capelli sono molto secchi...da sempre, ma questo trattamento li ha resi lucidi e morbidi come mai li ho avuti.
Con l'olio di cocco non mi sono trovata altrettanto bene ad esempio. Sono perfettamente daccordo con te, ognuno deve trovare la soluzione piu' adatta a sè!
Ste

Vivere Verde ha detto...

anche io uso l'olio di oliva come pre shampoo quasi sempre assieme al miele e mi piace un sacco!! A volte ci vado sotto il sole e in questo modo riesco ad averci dei leggeri riflessi castano dorato sui miei capelli castano medio

Deshna Francesca ha detto...

Se avrò il coraggio di farmi crescere di nuovo i capelli userò l'olio di ricino, che va bene anche per ciglia e sopracciglia :-)

Vivere Verde ha detto...

l'olio di ricino va benone, anche per i corti, cosi crescono in salute :)

Alessandra S ha detto...

Arieccomi.. a stressarti con qualche domanda inerente all'hennè.. ho comprato diversi tipi di hennè su Aroma Zone, e vorrei cominciare da quello neutro. ho sentito che secca tantissimo i capelli (cosa che non mi serve affatto) quindi cosa mi consigli?? lascio perdere o lo provo?? e poi facico un bell'impacco idratante??? ma lo devo fare subito dopo? perchè ho anche letto che hennè continua ad agire anche dopo, l'importante è sciacquarli solo con acqua senza fare shampoo che lui continua ad agire.. è vera questa cosa?? Grazie in anticipo

Vivere Verde ha detto...

ciao Alessandra :), guarda il hennè ristruttura i capelli però è una polvere e tutte le polveri assorbono liquido e quindi possono inaridire i capelli. Io si solito non uso il hennè neutro da solo (con acqua) ma lo mischio con altri ingredienti come crema per capelli, oli, burro di karitè. Devo dire che ho provato più benefici usandolo cosi:

2 cucchiaio di henne per ogni
1 cucchiaio di crema per impacco (ad esempio la maschera ai semi di lino della I provenzali) e
1 cucchiaio di olio di mandorle o avocado o qualche altro olio tipo argan, karitè, macadamia, germe di grano, vinaccioli, jojoba. A volte ci metto anche del burro di karitè sciolto a bagno maria assieme all'olio. Quindi preparo la miscela, applico sui capelli umidi, copro con una cuffia per la doccia e lascio in posa per 1 ora circa, poi shampoo e balsamo.

Quindi il hennè ristruttura e dona lucentezza, la crema+oli+burro idratano e bloccano l'effetto "disidratante" del hennè

Alessandra S ha detto...

Grazie ancora della tua eccezionale tempestiva risposta : ) èperò mi sorge un dubbio: l'hennè va applicato sui capelli puliti e senza balsami proprio per levare il grasso dai capelli per farlo aderire meglio, non è che la miscela di oli ed hennè ne blocca le proprietà?? che senso ha allora lavarsi i capelli prima?

Vivere Verde ha detto...

ciao, si puliti anche se non bisogna fare lo shampoo prima, li puoi inumidire ad esempio con uno spruzzino, quanto agli oli ecc questi non bloccano le proprietà del henne, anzi li ottimizzano, vai tranquilla con le miscele :)

Alessandra S ha detto...

come non bisogna fare lo shampoo prima..come fanno ad essere puliti se non si fa lo shampoo?? magari allora il gg prima??

Vivere Verde ha detto...

nel senso che magari li hai lavati 2 o 1 giorno prima

Powered By Blogger | Template Created By Lord HTML