Vivere Verde: un blog dedicato alle soluzioni ecologiche: casa, persona, animali, giardino, salute, benessere, cucina vegana e vegetariana, alimentazione

18 ottobre 2013

Cane chiuso vivo in in sacco della spazzatura con il muso legato e buttata in discarica.







Orrore, orrore e orrore!!! E' accaduto in Simeri Crichi Catanzaro. 

Questa cagnolina che vedete nella foto si chiama Elly ed è stata accudita (e per fortuna) dall'Associazione Anima Randagia. E' un incrocio di cane da caccia. tipi spinone e sugugio, ed è stata non solo abbandonata ma buttata in questo modo nella spazzatura.

Diciamo che nella cattiva fortuna questa cagnolina ha avuto fortuna, nel senso che qualcuno ha inviato un sms con la foto di questo sacco e per fortuna il volontario aveva il cellulare accesso e ha ricevuto la foto. E poi cavoli che costa dare una mano ad un cane che si trova in questa situazione?? Io non avrei pensato 2 volte a buttare giù quel cassonetto e allo stesso tempo chiamare associazioni, polizia, carabinieri e chicchessia. In queste situazioni bisogna essere SVELTI E VELOCI!! Il cane potrebbe morire!!

La povera bestia era chiusa in un sacco della spazzatura che si muoveva e il bastardo che ha fatto una cosa del genere (e che Dio non abbia nessuna pietà di un orco immondo del genere), ha anche legato il muso del cane in modo che non potesse abbaiare.

Se quel cellulare fosse la povera cagnolina di circa due anni, con il muso serrato da un laccio, moriva sicuramente soffocata. visto che era ben chiusa all’interno del sacco della spazzatura. 

Nel messaggio inviato ai volontari c'era scritto. “C’è un sacco che respira, ma non abbiamo il coraggio di aprirlo“. PAZZESCO!! Potrebbe essere anche un bimbo cavoli!!


I volontari corrono verso quella sorta di discarica di immondizia nella frazione di Simeri Mare, nel comune di Simieri Crichi (CZ) e hanno dovuto cercare tra  tantissimi sacchi. Si inizia così a cercare tra l’immondizia.e dopo aver frugato in tutti i tipi di schifezze trovano la povera Elly. 

Il sacco si muove, adagiato in terra e subito aperto. Un attimo di stupore misto a terrore, blocca tutti. Una cagnolina dolcissima, con le ciglia incredibilmente lunghe. Smagrita e spelacchiata, come nei segni della Leishmania.

Arriva l’ambulanza veterinaria dell’associazione Darko Onlus di Catanzaro. La clinica veterinaria dei dottori Garcea e Anastasi si rende nel frattempo disponibile. Elly, in breve tempo, è sottoposta a terapia. 

Essendo un cane da caccia magari il mostro o mostri che hanno fatto una cosa del genere l'hanno buttata perché non era adatta alla caccia e questa è una cosa che accade spesso ai poveri cani da caccia, cioè di venire abbandonati oppure abbattutti dai cacciatori quando non sono adatti alla caccia.

La povera cagnolina da caccia era priva di microchip, ha deciso in maniera criminale. 

Anima Randagia annuncia ora una denuncia ma chiede anche aiuto per la cagnolina. 

Si andrà incontro a spese e non è dato ancora sapere quanto la terapia potrà durare inoltre l'associazione ha già un debito con la Clinica Veterinaria e ha un disperato bisogno di soldi. 

La piccola è ricoverata presso la clinica Veterinaria dei Dott. Garcea e Anastasi, ora è sotto fluidoterapia.

Le analisi del sangue hanno rilevato una forte anemia e una forte infezione, leishmania e problemi renali.

Con tale Clinica l'Associazione vanta un debito terribilmente alto, ma nonostante tutto i medici che la gestiscono non si sono assolutamente tirati indietro.

Se qualcuno di voi sa qualcosa su quello che ch'è accaduto, se conoscete questo cane e magari i padroni denunciateli alla polizia. Un soggetto che fa una cosa del genere è un malato e può fare del male ad altri animali e anche ad altre persone. Denunciate se siete al corrente di questa cosa ogni informazione è utile.

Comunque come si dice, il male ritorna sempre alla sua origine e questa/e persone dovrebbero pensare che le brutte cose, l'abbandono, la malattia e la vecchiaia arriverà anche a loro e magari chissà se verranno gettati nella mondezza come hanno fatto al cane.

Per info e adozione:
Francesca Console 329 40 92 406 (se non rispondo sms o mail)

Associazione "Anima Randagia"
Per la Tutela degli Animali in Calabria
CATANZARO
C.F. 97069570790 (dona il tuo 5X1000)
Iscritta all'Albo Provinciale n. 158


BONIFICO BANCARIO:
“ASSOCIAZ. ANIMA RANDAGIA PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI IN
CALABRIA"
IBAN: IT14 H033 5901 6001 0000 0062 110
BIC (per l'estero): BCITITMX
BANCA PROSSIMA FILIALE 05000 (filiale di Milano)

PAYPAL: presidente@animarandagia.org

In entrambi i casi inviare sempre mail di conferma a 
presidente@animarandagia.org

PER DONARCI IL 5X1000: ASSOCIAZIONE "ANIMA RANDAGIA" Per la tutela degli animali in Calabria
C.F. 9 7 0 6 9 5 7 0 7 9 0
La mail dell'associazione è questo:
adozioni@animarandagia.org





2 commenti:

sabrina ha detto...

non ho parole, siamo arrivati al capolinea. Io adoro gli animali, ho un cane e un gatto e sapere che degl'esseri riescono a fare questo mi fa vergognare verso il mondo animale. CIAO

Sabrina

Vivere Verde ha detto...

Infatti è assurdo!! Io non riesco a crederci che possano accadere certe cose, veramente!! E che ci siano delle persone di questo genere tra di noi!! Vergogna.... Soffro proprio quando penso che tanti animali e anche bambini molte volte sono vittime di questi mostri schifosi!!

Powered By Blogger | Template Created By Lord HTML