.

07 marzo 2014

Il consumo eccessivo di zucchero accelera l'invecchiamento e provoca malattie.


La proteina principale della pelle è il collageno che tende a rompersi con l'invecchiamento del nostro corpo e quindi via alle rughe. Oltre all'azione del sole, e all'azione devastante del fumo anche lo zucchero contribuisce alla rottura del collageno.

Tutte le bevande e alimenti molto zuccherati contribuiscono negativamente alla manutenzione del collageno della nostra pelle e più alta è la quantità di zucchero consumati da un soggetto più esso rischia di ritrovarsi con la pelle spenta e segnata dalle rughe anche se cronologicamente è ancora giovane. Lo zucchero fa con che le fibre di collageno si leghino saldamente diventando sempre più dure e poco flessibili finché ad un certo punto si rompono e si formano le rughe.

La dieta moderna (mangio fino a svenire e il fast food) ha portato ad un consumo di alimenti zuccherati molto maggiore della porzione necessaria all'organismo umano. L'essere umano da sempre mangia certi alimenti naturalmente zuccherati come ad esempio la frutta, le patate, e altre fonti naturali di zuccheri e in questo modo acquisiscono energia attraverso i processi metabolici dell'organismo.

Però se si aggiungono altre fonti di zucchero l'ago della bilancia del metabolismo si sposta pericolosamente, basta pensare che ad esempio una lattina di bevanda zuccherata fornisce circa 25 gr di fruttosio, la stessa quantità presente in circa 500 gr di banane o 1 chilogrammo di fragole, inoltre la frutta in generale è ricca in fibre che limitano la velocità di assorbimento dei carboidrati e dei grassi dall'intestino al sangue e il consumo della frutta fresca è più consigliabile rispetto al consumo di succo di frutta.



Lo zucchero normale che usiamo noi è il saccarosio ovvero glucosio+fruttosio e l'eccesso di fruttosio appesantisce il fegato. Lo zucchero bianco viene privato dalle sue sostanze minerali benefiche all'organismo inoltre vieni trattato con sostanze chimiche per raffinarlo, quindi tra lo zucchero bianco e lo zucchero grezzo (di canna) anche se il nome secondo me non è giusto perché anche lo zucchero bianco è derivato dalla canna dello zucchero però è uno zucchero trattato e raffinato.

Alcuni alimenti contrastano e diminuiscono (ma non eliminano del tutto) l'azione dannosa dello zucchero sul collageno e sono: l'aglio, l'origano, lo zenzero, la cannella e il peperoncino.

Anche gli alimenti grigliati, soprattutto le carni (quella crosta un po' bruciacchiata che piace a tanti amanti della carne) danneggiano al collagene e accelerano l'invecchiamento.

La produzione di AGEs (Advanced Glycosylation End Products) o prodotto glicato finale che vengono formati dalla reazione di glicazione che avviene anche nel nostro organismo in particolare in presenza di concentrazioni elevate di zuccheri  (come il glucosio) nel sangue.

Il glucosio reagisce con un amminoacido chiamato lisina e da questa reazione si formano diverse molecole che sono considerate dannose e dopo un riarrangiamento intramolecolare si formano composti più stabili, e successivamente gli AGEs. Queste molecole che si aderiscono alla superficie delle cellule e le "caramellizzano" letteralmente e il risultato dell'accumulo di queste molecole è la diminuzione della capacità della cellula di dividersi e lo stesso fenomeno si verifica quando invecchiamo.

1. Nella pelle giovane le fibre di collageno che sono responsabili della fermezza della pelle scivolano le une sulle altre.

2. Con il consumo esagerato di alimenti ad alto tasso di zuccheri ovvero con tanti AGEs le fibre s'induriscono come dolci caramellati e quando si muovono non scivolano ma si urtano e si rompono portando alla formazione di rughe e pelle flaccida.

Gli AGEs sono pericolose anche per altre parti dell'organismo: le arterie, articolazioni, visione (cataratta), reni, fegato.

Soluzioni:

Oltre a dare priorità ad un'alimentazione più salutare è importante praticare sport cosi che il corpo possa convertire il più possibile lo zucchero in energia. Inoltre è necessario fare un uso equilibrato dello zucchero anche perché i zuccheri presenti nell'organismo vengono usati anche per la produzione di acidi grassi (=allarme bilancia).

Il fatto di usare lo zucchero grezzo al posto dello zucchero bianco aiuta ma non risolve il problema quindi non va usato in eccesso. Il fruttosio appesantisce il fegato per via di certi passaggi del nostro metabolismo energetico e quindi non è un'alternativa valida al 100%.

In conclusione: l'unico modo per evitare il processo precoce di invecchiamento (dentro e fuori) e anche il rischio obesità è quello di praticare sport (muoversi) per convertire lo zucchero in energia, eppure mangiare sano (senza consumo eccessivo di dolci, cioccolata al latte, bianca, e altri alimenti zuccherosi). E poi c'è un concetto molto importante da metterci in testa: se uno non si muove le sostanze che consuma attraverso l'alimentazione si accumulano nell'organismo rompendo gli equilibri (e parliamo di zuccheri, grassi e altri eccessi) e quindi via ai problemi di salute soprattutto se a ciò aggiungiamo anche l'azione del fumo e dell'alcol.


Quindi

troppi zuccheri+troppo grassi+sedia e divano+sole in eccesso o lampade+fumo+alcol=



Questo testo ha scopo informativo e non medico, se avete dubbi cercate il vostro medico.

Nessun commento:

Powered By Blogger | Template Created By Lord HTML