Vivere Verde: un blog dedicato alle soluzioni ecologiche: casa, persona, animali, giardino, salute, benessere, cucina vegana e vegetariana, alimentazione

18 aprile 2014

Dalla parte dell'agnello: perché un po' detesto la pasqua



Si avvicina la Pasqua e come tutti gli anni si augura una buona pasqua a tutti... però per dire la verità a me la Pasqua non mi piace molto, sinceramente ogni volta che si avvicina questa festività mi si stringe il cuore perché so che in questo periodo vengono uccidi dei cuccioli in quantità industriale per soddisfare la voglia di tradizione di tanti cristiani.

Io personalmente non seguo nessuna religione, anzi con tutto il rispetto per voi devo dire che le religioni non mi piacciono perché nella mia visione personale tendono a escludere le persone (o determinati tipi di persone) eppure gli animali. Ci sono certe eccezioni come ad esempio il buddismo e altre però sto bene come sto cosi senza seguirci niente.

Quindi come dice qualcuno: se non hai una religione puoi rispettare o criticare tutte quante, in realtà non critico le religioni perché credo che ognuno debba seguire quello che piace o meno, io sono a favore dell'idea che ognuno debba fare che vuole nella vita tranne se questo volere possa portare danni a persone e animali.

Detto questo odio immensamente la tradizione dell'Agnello a Pasqua per diversi motivi: sono cuccioli di 1 o 2 mesi, visto che la domanda in questo periodo cresce anche la voglia di guadagni e quindi gli animali vengono presi in massa, vanno un viaggio infernale dove vengono buttati in gabbie piccolissime nei camion verso i macelli, vengono uccisi a male modo più di altri periodi perché l'importante è uccidere perché devo vendere e non posso perdere tempo e cosi via.

Quindi è già tremendo il fatto che uno mangi dei cuccioli che sia agnello, vitello, puledro ecc e poi che si debba fare una strage per via di una festa religiosa che in teoria dovrebbe celebrare la pietà e la bontà e invece porta dolore e sofferenza agli animali e ambizione per i soldi dall'altra parte?? Che c'è di religioso, cristiano, pietoso e bello in questa cosa??

La stessa cosa vale per la festa dei mussulmani il Ramadan visto che anche loro fanno una strage di agnelli e capre anche per loro una tradizione. La differenza è che la loro non viene tollerata ma la tradizione cristiana si (io non tollero né una né altra).

Comunque credo che la Pasqua può o dovrebbe diventare davvero una festa nel vero senso della parola se questa tradizione del cavolo viene lasciata morire e se in ogni casa si decide di mangiare qualcos'altro, meglio ancora se si prepara un bel pranzo a base di legumi, funghi, verdure, frutta e via dicendo, con tanti regalini per i bimbi...

Aspetto che le mie parole non abbia offeso nessuno però è quel che penso e aspetto proprio che un giorno tutte le religioni possano includere nei propri dogma anche il benessere degli animali e il rispetto verso di loro.



6 commenti:

Maura ha detto...

Ho un senso di discusto e nausea in questi giorni di massacro...
Odio trovare nei quotidiani on-line video tratti da macelli sottotitolati con frasi strazianti...a cosa serve?
Cerchino invece di esporre i fatti e raccontare il perchè di questo puro business del cavolo!!!
Non c'è un solo giorno dell'anno in cui le persone non possano mangiare qualsiasi cosa, dal panettone a pasqua all'uovo di cioccolato a natale, non abbiamo (HANNO) quindi la motivazione di dover cambiare menù, di andare ad incrementare l'offerta con la loro domanda!
Scusami ma sono molto arrabbiata, come possono queste persone mangiare dei neonati che sanno ancora di latte!!!

Maura ha detto...

Mi sono permessa di rubarti l'immagine per farne a mia volta un post, grazie.
Maura

Vivere Verde ha detto...

è vero Maura, tanto ormai queste feste religiose servono solo a fare business e le persone non ci ragionano nemmeno su quel che fanno, e poi parlano di tradizione... ma quale tradizione!!Ma se le Chiese sono anche abbastanza vuote quindi che senso c'è seguire certe tradizioni soprattutto questa basata sulla morte!! cavolo basterebbero delle semplici parole da parte delle guide religiosi: fedeli non basate le vostre feste sull'uccisione degli animali.

Purtroppo l'essere umano è l'animale più aggressivo ed egoista che ci sia

katia ha detto...

ciao, la penso come te e non amo affatto la pasqua......poveri animali.......

giglio ha detto...

Ciao, ho il tuo stesso pensiero tanto è vero che amo il Buddhismo Tibetano che non è una religione ma una filosofia di Vita (molto bella a mio parere).
Detto questo, ti auguro una serena Pasqua, dovrebbe essere una festa di Pace e niente di più.
Un abbraccio!
Anna

Vivere Verde ha detto...

ciao :=)

Si infatti in buddismo è una filosofia ed è davvero molto bella e molto tollerante... mi piace molto

A voi auguro delle giornate tranquille e in pace con le vostre famiglie :) nonostante il tempo...

Powered By Blogger | Template Created By Lord HTML