Vivere Verde: un blog dedicato alle soluzioni ecologiche: casa, persona, animali, giardino, salute, benessere, cucina vegana e vegetariana, alimentazione

22 dicembre 2014

Depenalizzazione dei reati contro gli animali: aderisce alle proteste contro questa decisione


Ecco un'altra bella perla sparata dei politici per chiudere in bellezza quest'anno e aprire in meraviglia il prossimo: la depenalizzazione dei reati contro gli animali.

Secondo un nuovo Decreto Legislativo da essere approvato i reati che rientrano nel limite massimo di 5 anni di reclusione non sarebbero punibili e quindi visto che le pene per i reati contro gli animali sono ridicole tante personcine per bene si sentirebbero libere di massacrare gli animali visto che non verrebbero punite.

La Federazione Italiana Associazione Diritti Animali e Ambiente ha proposto una mail bombing su governo e Parlamento per dire no alla depenalizzazione dei reati contro gli animali, inoltre convoca una manifestazione nazionale per il 24 gennaio

Saranno felici gli imbecilli che organizzano gare di combattimenti con animali, chi si diverte a torturare il proprio animale, chi li abbandona, chi crede che un animale solo perché è un animale non deve essere considerato visto che nel mondo c'è gente che muore di fame (come se gli animali avessero una colpa) però uno non pensa alla gente morta di fame quando compra prodotti fatti con lavoro schiavo o con lo sfruttamento di minori dei paesi poveri, anzi si inca**a pure se questi scappano dalla povertà e vengono in Europa!!! Insomma questa legge farà comodo a tutti gli egoisti magari in apparenza tanto santarellini che purtroppo non hanno imparato che il mondo è fatto per tutti e non solo per gli esseri umani e poi addirittura non sanno perché questo mondo sta andando veramente a putBIP per colpa delle azioni irresponsabili fatte non degli animali ma del piccolo esserino con manina da lucertola e con strane manie di narcisismo chiamato essere umano ....

Aderire al mail bombing è semplice: è sufficiente andare sul sito della LAV dove è disponibile un modulo online per inviare l’email di protesta.


Nessun commento:

Powered By Blogger | Template Created By Lord HTML