Passa ai contenuti principali

Cosmetico personalizzato DIY: Crema idratazione intensiva per mani e piedi.

 



Oggi ne parleremo nuovamente di cosmetici fai da te, e se ricordate bene vi ho spiegato il passo passo per creare la vostra maschera peeling per piedi e mani molto che hanno bisogno di una cura intensiva, se ancora non avete visto il post potete leggerlo qui, ma adesso vi descriverà la seconda fase del trattamento intensivo per ripristinare la bellezza delle mani e piedi ovvero la Crema idratazione intensiva per mani e piedi.  Questa non sarà una crema “comune” poiché si tratta di specie di “guanto di bellezza” per la cura della pelle e ricordiamo che stiamo preparando un trattamento per mani e piedi più affaticati e con la pelle maltrattata e sensibilizzata dagli agenti chimici, dagli agenti atmosferici o dallo sforzo fisico e per questo motivo questa crema cosmetica è stata elaborata anche per combattere la callosità e l’ispessimento cutaneo. 

Per preparare questa crema utilizzeremo dei prodotti 100% biologici e vegetali che potete trovare sul sito BioVeganShop, un e-Commerce dedicato alla vendita di prodotti biologici provenienti da diverse aziende impegnate con l’ambiente e con il benessere degli animali e dell’essere umano.

Molti degli ingredienti che ci interessano sono stati utilizzati per preparare la Maschera Peeling all’argilla ma facciamo un riassunto:


Burro di Cacao 100% vegetale, crudo e non raffinato dell’azienda Le Erbe di Janas.



Olio di cocco 100% vegetale pressato a freddo e senza paraffine, parabeni, solventi, coloranti e profumo di sintesi prodotto dall’azienda So’ Bio étic.


Olio Essenziale di Niaouli (Malaleuca quinquenervia) 100% puro e proveniente dall’agricoltura biologica, dall’azienda So’ Bio étic.




Cera emulsionante 100% vegetale e anche in questo caso non la useremo come un emulsionante per fasi acquose e grasse ma come un addensante e fluidificante prodotto dalla Centifolia.


E aggiungeremo alcuni nuovi ingredienti:


Olio essenziale di Legno di Ho
Questo è l’olio essenziale di canfora estratto dall’albero della canfora (Cinnamomum camphora) nativa dal Giappone e Cina e appartenente alla famiglia delle Lauraceae così come la profumatissima cannella e altre specie vegetali molto apprezzate per la loro fragranza come ad esempio l’alloro (Laurus nobilis) e il bois de rose o palissandro (Aniba rosaeodora).

L’olio essenziale Ho (o legno di HO) è un ingrediente molto prezioso per l'antica medicina olistica  e naturale poiché ha diverse funzioni: repellente per gli insetti, purificante contro virus e batteri, combatte artrite, dolore muscolare, infiammazione, prurito, infezione, micosi, cattivo odore, rilassante, smacchiante e calmante per la pelle. L’olio essenziale è estratto da legno di HO ed è ricchissimo di linalool ed ha un odore molto gradevole e simile all’odore del palissandro magari solo un pochino più intenso. 

Bisogna fare attenzione e acquistare l’olio essenziale di canfora (olio HO) 100% vegetale perché esiste anche l'olio di canfora sintetico che non ha le stesse proprietà dell'olio essenziale estratto dall'albero di canfora. Io ho utilizzato l’olio essenziale HO 100% vegetale e non testato sugli animali dell’azienda Kobashi situata nel Devon, Regno Unito. Loro sono a stretto contatto con coltivatori di tutto il mondo quindi la materia prima utilizzata per realizzare i loro prodotti proviene dall’agricoltura biologica e sono tutti quanti vegani, inoltre loro della Kobashi sono molto impegnati contro i cambiamenti climatici.



Il tocoferolo è un eccellente antiossidante, emolliente, rigenerante, favorisce il rinnovamento cellulare per cui trattasi di un ottimo antiage, ed è in grado di contrastare e riparare i danni provocati dall’inquinamento.  Questo prodotto offerto dall’azienda Le Erbe di Janas ed è naturale al 100% oltre ad essere un prodotto adatto ai vegani.

Essendo il tocoferolo è un eccellente antiossidante è dunque in grado di aumentare l’intervallo di durabilità dei cosmetici soprattutto quando possiedono una composizione ad alta percentuale lipidica però attenzione perché non è un antimicrobico e per questo motivo non sostituisce gli oli essenziali o altre sostanze con azione antibatterica (conservanti). 

E adesso passiamo alla preparazione della nostra crema.


Crema Idratazione Intensiva per Mani e Piedi.
Ingredienti:

25 gr di burro di cacao
30 gr di cera emulsificante
20 ml di olio di cocco
1 ml di tocoferolo
10 gocce di olio essenziale di Niaouli
10 gocce di olio essenziale HO 

Avete bisogno anche di una bilancia digitale, ciotole e bicchieri in ceramica, pirex o smaltate, cucchiai in legno, ceramica o plastica e pentola per il bagnomaria.

Preparazione:




Come prima cosa dovete calibrare la vostra bilancia e per farlo si appoggia la ciotola al piatto e si porta allo zero facendo attenzione alle unità di misura (grammi, millimetri, centilitri), quest’operazione va ripetuta ogni volta.


Pesare il burro di cacao e portarlo a bagnomaria.



Pesare la cera emulsionante e aggiungere al burro di cacao completamente sciolto, ricordiamo che non sto usando la cera Centifolia come agente emulsionante poiché non è presente una fase acquosa, ma l’ho scelta per le sue proprietà ammorbidenti e la sua consistenza finale particolarmente emolliente e setosa. 

Quando il composto sarà completamente sciolto aggiungere 1 ml di tocoferolo, fatte attenzione perché siccome il barattolino non ha un contagocce bisogna evitare di versare più del dovuto, se la vostra bilancia è abbastanza sensibile per pesare quantità molto piccole, e nemmeno avete una siringa o altro strumento di misura allora vi faccio vedere quanto spazio occupa 1 ml di acqua su un cucchiaio:




In questo modo potete avere un idea del volume prodotto necessario da aggiungere alla preparazione, non è precisissimo ma è un metodo che aiuta moltissimo.

Aggiungere 10 gocce di olio essenziale Niaouli più 10 gocce di olio essenziale HO.

Mischiare nel vasetto in vetro o plastica, il mio è un barattolo riciclato che avevo già a casa ma se volete acquistare uno tutto nuovo (soprattutto se volete regalare una vostra creazione cosmetica) potete acquistare i contenitori e tutto l'occorrente per fare la vostra crema fai da te sul sito BioVeganShop. 



La crema si addenserà quasi che immediatamente pur risultando morbida.




E questa è la Crema Idratazione Intensa per mani e piedi.


Come utilizzarla: Come abbiamo detto questa crema non è una normale crema per mani e piedi e sì una cura intensiva per la pelle più secca e segnata perciò va utilizzata come un “guanto di idratazione” da spalmare e tenere il posa il più a lungo possibile. Sarebbe ideale utilizzarla dopo il trattamento con la maschera peeling che potete trovare qui, però può essere utilizzata anche come un unico trattamento rigenerante. 

Applicare una noce di crema sul palmo della mano, strofinare appunto le mani per riscaldare a crema e quindi spalmarla per bene sulla pelle, indossare guanti di cotone o lana e calzini spessi. Lasciare agire per almeno 1 ora o meglio ancora per tutta la notte, nei casi in cui la pelle non assorba completamente la crema (ciò dipende dalla secchezza della pelle), basterà lavarsi le mani/piedi con un detergente biologico delicato. Si può utilizzare questo trattamento anche per prevenire secchezza e inaridimento alle mani e piedi e soprattutto per evitare le screpolature. Iniziando il trattamento durante l’autunno/inverno non solo proteggerete la vostra pelle dagli effetti del freddo e del vento, ma saranno anche perfetti la prossima primavera/estate.

Utilizzare una volta a settimana se la vostra pelle è particolarmente secca, macchiata e/o segnata, o una volta ogni quindici giorni per lenire i primi danni o a scopo preventivo. 

Considerazioni finali: Ricordate di scrivere il nome della vostra crema sul coperchio e conservarla in luogo fresco e asciutto durante l’inverno, e in frigorifero durante l’estate ed è meglio preparare poca alla volta. L’olio di cocco tenderà a tonare allo stato solido (quest’effetto si stabilizzerà dopo una settimana) e magari noterete qualche piccolo grumo ma ciò non danneggerà la crema e non interferirà con il risultato finale. Come detto prima ho scelto la cera emulsionante per il suo eccezionale effetto emolliente e levigante oltre al suo facile assorbimento, ma se volete utilizzare una cera vera e propria e completamente vegetale potete utilizzare la cera di carnauba disponibile sempre sul sito BioVeganShop dove potete trovare una grande quantità di prodotti interessantissimi e soprattutto amici dell'ambiente perfetti anche da regalare ai vostri cari per questo Natale.


Post popolari in questo blog

Come togliere le macchie di prodotti acidi e/o aggressivi dai pavimenti

 [RIEDIT] Per cancellare o almeno mascherare le macchie di prodotti acidi (anticalcari, acido muriatico, detersivi acidi industriali, detersivi scioglie cemento, sgorganti, prodotti per il WC) oppure prodotti di pulizia aggressivi (sgrassatori, multiuso, detersivi aggressivi, disincrostanti, prodotti a base di soda caustica ecc) caduti sul pavimento in cotto, gres, ceramica ecc seguite il passo passo: 1. Cospargere la macchia con bicarbonato e strofinare con una spugna bagnata e insaponata con abbondante sapone di marsiglia 2. Posa per 10 minuti e risciacquo con acqua e alcol (3 parti di acqua per 1 di alcol rosa o bianco) 3. Preparare una soluzione fatta con 2 parti di aceto e 1 parte di olio di lino crudo (ferramenta/bricolage/belle arti), inumidire un panno morbido (panno giallo o flanella)  e strofinare la macchia (usare poca miscela alla volta per non ungerci troppo il pavimento 4. Metterci un foglio di giornale sopra e sgrassare il giorno seguente con acqua saponat

Come risaltare l'odore del detersivo in lavatrice e come avere un bucato più profumato

Io personalmente non sono molto fissata con il profumo del bucato perché in realtà a me basta che sia pulito, smacchiato e privo di cattivi odori, però so che a praticamente tutte le persone il profumo di bucato appena lavato è molto importante e a volte non si riesce ad ottenerlo con i detersivi che siano bio o tradizionali, o almeno magari il profumo c'è ma non cosi forte da lasciare la scia. Comunque ci sono alcuni modi per rendere il bucato più profumato ed ecco alcuni: a) Fare un prerisciacquo con acqua fredda e una soluzione contenente succo di limone non diluito (tipo 1 bicchierino da caffè. Inoltre il limone illumina il colore bianco e blocca l'effetto ambrato sui vestiti bianchi e chiari b) Fare un apposito profumo per il bucato da aggiungere assieme al detersivo usando gli oli essenziali. Se amate un profumo più fresco potete usare questa miscela: 10 gocce di OE di cedro o pino, 10 gocce di OE di bergamotto, 5 gocce di OE di lavanda e 5 gocce di OE di g

Candeggina e Ingiallimento dei Tessuti

Evitate di usare la candeggina per sbiancare i tessuti,perché oltre ad essere un prodotto molto inquinante, ingiallisce e rovina le fibre dei tessuti che a lungo andare invecchiano e perdono forma. L'ingiallimento si presenta quando residui di candeggina rimangono intrappolati nel tessuto (specialmente quando usiamo l'ammorbidente) e questi, al contato con la luce, o con l'aria, reagiscono e ingialliscono e invecchiano il tessuto. Per questo molte volte le tovaglie, calzini e camicie riposte dentro all'armadio col tempo sono molto gialle. Cercate di usare l'acqua ossigenata o uno sbiancante all'ossigeno attivo a base di percarbonato per sbiancare i tessuti. Se invece la macchia è molto difficile, come quelle lasciate da altri tessuti (colori che migrano), e dovete proprio usare la candeggina, per primo non la mischiate con nessun altro prodotto, nemmeno col detersivo in polvere, perché la sua azione sbiancante diminuisce, basta acqua fredda

La pulizia dei pavimenti in Gres Porcellanato

GRES PORCELLANATO GREZZO : questo tipo di pavimento ha degli orifizi microscopici dove lo sporco rimane intrappolato. per questo i detersivi comuni non riescono a levare via tutto il grasso e sporcizie che li s'accumulano e ingrigiscono il pavimento. Inoltre il calcare tende ad accumularsi su questo tipo di materiale, per questo il detersivo deve essere un po' acido per riuscire a levare il grasso, il calcare e la polvere intrappolata. Con questo detersivo fai da te potete avere un pavimento sempre più bello e senza aloni 3l d'acqua 5 cucchiai d'aceto bianco 5 cucchiai di alcol 1 goccia (pochissimo) di detersivo per piatti. Mischiate e passate sul pavimento. GRES PORCELLANATO LUCIDO : questo tipo di pavimento ha degli orifizi più larghi e di conseguenza più assorbenti e possono macchiarsi con facilità. Invece dei normali detersivi è meglio usare un detersivo alcalino e anticalcare, e per farlo bastano: 3l d'acqua 2 cucchiai di bi

Come pulire a fondo l'interno delle cappe molto sporche e piene di grasso

A volte le cappe sembrano pulite almeno all'esterno però quando ci dimentichiamo di pulire il suo interno e quindi il grasso si accumula in modo tale che a volte è difficile rimuoverlo e quindi bisogna fare una pulizia più mirata. Ricordiamo che l'eccesso di grasso danneggia i componenti interni della cappa. 1) Prendere un panno umido e spruzzarlo con aceto bianco o rosso e quindi passarlo su tutta la parte interna della cappa 2)Insaponare bene una spugna da cucina con abbondante sapone di marsiglia, inumidire e cospargere con abbondante bicarbonato e inumidire nuovamente con poca acqua (serve solo per compattare il bicarbonato) 3) Strofinare bene l'interno della cappa. Per gli angoli più difficili potete usare una spazzola per i piatto o spugna con manico.

L'alcol è o no è un disinfettante?

Non è vero che gli unici disinfettanti siano o la candeggina (o altri disinfettanti con cloro), o i detti presidi medici chirurgici. L'alcol è un disinfettante e vieni ancora usato nelle strutture sanitarie. Però l'alcol disinfettante è quello puro ad una concentrazione di 70%. E quello rosa che troviamo in commercio? Serve per diminuire la carica batterica e ha una azione antisettica più leggera, ma per gli ambienti domestici va benissimo, visto che la carica batterica è ridotta. Però non va applicato sulla matteria organica (resto di cibo, urina ecc), questa va prima tolta con acqua e sapone. Ad esempio, prima di passare l'alcol sul piano della cucina sporco, lavatelo con acqua e sapone o acqua e detergente per piatti, risciacquate e per ultimo passate l'alcol. Se la superficie è pulita può essere igienizzata semplicemente se si passa un panno bagnato con alcol. Però una cosa molto importante da specificare prima di tutto è che, qualsiasi disinfettante, anche

Soluzione extra forte per recuperare il marmo rovinato, macchiato, ruvido e opaco.

Questo trattamento è stato pensato e provato per/su pavimenti/superfici in marmo che non si presentano tanto bene, cioè i pavimenti porosi, non omogenei, opachi, incrostati, macchiati, insomma rovinati. Comunque la prima cosa da sottolineare è che per avere un pavimento proprio come nuovo ed a specchio dovete chiamare un marmista per lucidare il pavimento con prodotti e soprattutto con macchinario specifico, inoltre questa è una soluzione che prevede l'uso di sostanze acide e quindi deve essere usata con attenzione e i tempi di posa devono essere molto brevi e serve per casi più disperati altrimenti potete cercare un'altra soluzione sempre sul blog.

Come togliere il calcare dal interno del ferro da stiro

Per far fuoriuscire il calcare del ferro da stiro basta riempire la caldaia con acqua da rubinetto + 2 tappi di aceto (usate quello della bottiglia), quindi aspettate 5 minuti, accendete il ferro e lasciate uscire il vapore. Quel vapore che uscirà fuori sarà pieno di calcare e qualche muffa formata all'interno del ferro da stiro.

Bruciatori del piano cottura incrostati e/o bruciati: come lavare e lucidare

Occorrono: Aceto Sapone Alga (o simile) Bicarbonato Spugna da cucina abrasiva o paglietta d'acciaio Fare bollire i bruciatori in acqua e aceto in parti uguali Chiudere la pentola e lasciare in ammollo per almeno 1 ora Togliere, risciacquare e strofinare con sapone alga e bicarbonato usando la spugna o la paglietta Risciacquare e per ultimo strofinare con solo aceto.

Come rimuovere le macchie di muffa dai vestiti

1 ) Infilare i tessuti in acqua molto calda+3 cucchiai di sale grosso 2) Tessuti Bianchi o Chiari : inzuppare la macchia con acqua ossigenata e poi chiudere il vestito dentro ad una busta plastica. Se il tessuto è molto grande, o se avete una gran quantità di tessuti da trattare metteteli in ammollo in acqua bollente, 4 cucchiai di sale grosso, e acqua ossigenata (200 ml per ogni 4 litri d'acqua). Chiudete la bacinella con della pellicola plastica. Lasciate per 1 intera giornata o intera notte. Poi basta lavare in lavatrice alla temperatura più alta che il tessuto possa sopportare (guardate l'etichetta). La seta va lavata a mano o con un ciclo dolce a 30 gradi. Tessuti Colorati o Scuri: mettete del sale fino sulla macchia e poi strofinate sopra con sapone di marsiglia inumidito. lasciate asciugare all'aria aperta. Poi il giorno seguente lavare in lavatrice normalmente. Se dovete solo togliere l'odore di umido dai tessuti basta immergerli in acqua e aceto (1 bicchier