Post

Latte di Mandorle: come prepararlo a casa

Immagine
Per primo devo dire che questa è una mia ricetta personalissima, come si dice in giro "rivisitata"... se volete provare eccola qua: 200 gr. di mandorle sgusciate e pelate 30 gr di zucchero 1 cucchiaio di fior d'arancio 1 litro di latte di soia pestare le mandorle nel mortaio unendo lo zucchero e l'acqua di fior d'arancio.  passarle in casseruola, unire il latte di soia; portare a bollore e fare bollire piano per 5 minuti circa. Filtrare (io preferisco usare un canovaccio). Lasciare raffreddare a temperatura ambiente prima di mettere in frigorifero.

Come togliere le macchie d'olio dagli indumenti

Immagine
Per togliere le macchie d'olio dagli indumenti mettete sopra una pasta fatta con soda solvay e detersivo per piatti. Mettete sopra la macchia per almeno 1 ora e poi lavate il capo in lavatrice ad un minimo di 40 gradi.

Cavatelli con pesto di frutta secca e erbe aromatiche

Immagine
400 g di cavatelli 100 g di gherigli di noci 50 g di pinoli 4 rametti di basilico 1 ciuffo di maggiorana 4 rametti di timo 1 rametto di origano fresco 2 spicchi d'aglio 1/2 peperoncino 1 melanzana piccola olio extravergine d'oliva q.b. sale e pepe q.b. Preparazione Con l'aiuto di un mixer tritate le erbe aromatiche con le noci, i pinoli, l'aglio e il peperoncino. Trasferite questo composto in una terrina e aggiungete 10 cucchiai di olio e regolate di sale se necessario. Lavate la melanzana e tagliatela con la buccia a cubetti. mettetela per 10 minuti in acqua salata (dovrà essere immersa completamente) per spurgare l'amarognolo poi lavatela in acqua corrente. In una padella antiaderente fatela saltare con un filo d'olio e salate. Lessate i cavatelli in abbondante acqua salata, scolate la pasta una volta pronta e conditela con il pesto pronto e la melanzana fritta. Servite immediatamente.

Insalata di peperone

Immagine
Un chilo di peperoni 100 gr di olive snocciolate Olio extravergine di oliva 1 spicchio di aglio Prezzemolo Capperi Sale Metti i peperoni nel forno ed arrostiscili (forno a 180 gradi per all'incirca 20 min.). Appena cotti chiudili in un sacchetto di plastica perché così poi si sgualciranno e sarà più facile levar via la pelle. Dopo di aver tolto la pelle tagliate i peperoni a fettine fine, aggiungete le olive e i capperi. Aggiungete dell'aglio tagliato a fettine fine, il sale, il prezzemolo tagliato grossolanamente e l'olio. Mischiate bene.

Macchia di unto sul legno

Immagine
Tamponare la macchia con alcol e talco o amido e metterci sopra una carta assorbente e un peso. Aspettare 15 minuti prima di rimuovere. Pulire la zona con sapone di marsiglia, risciacquare e asciugare.

Come togliere il verderame e lucidatura del rame

Immagine
Il verderame è una pattina verde che si forma sugli oggetti in rame che sono esposti per molto tempo all'aria o all'acqua del mare. Per impedire la formazione e mantenere lucido il rame seguite questi consigli: Pulizia del Rame Se le parte verdastre sono molto roste da mandare via strofinate l'oggetto con alcol e talco e Per una bella lucidatura finale, dopo le pulizie asciugate l'oggetto o superficie e strofinategli con del bianco di spagna (un tipo di gesso) e un panno asciutto morbido.

L'ultima Ordinanza Cani

Immagine
il Sottosegretario alla salute On. Francesca Martini ha presentato la nuova Ordinanza “ sulla tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione di cani”. Non esiste più il vecchio elenco delle razze pericolose ma la consapevolezza che anche il cane della razza più tranquille può diventare pericoloso, se allevato in modo sbagliato e specialmente, con crudeltà. La nuova Ordinanza, invece di dare la colpa della aggressività al cane, o a determinate razze, punta soprattutto sulla prevenzione e sulla formazione dei proprietari, che saranno responsabili sia a livello civile che penale dell'animale. IL MINISTRO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI ……………….. Visti gli articoli 650 e 727 del codice penale; Vista l’Ordinanza del Ministro della Salute del 14 gennaio 2008, ………… Ritenuto di dover sostituire detta Ordinanza eliminando l’allegato A in quanto non solo non ha ridotto gli episodi di aggressione ma, ….. non è possibile stabilire il rischio di una maggiore agg