Post

Cromatologia e acqua solare: il sole e i colori a beneficio dell'organismo

Immagine
Avete mai sentito parlare di cromatologia? Sarebbe l'uso dei colori per il benessere del corpo e della mente. Certo che non si tratta di una terapia "ufficiale" ma è una terapia alternativa che usufruisce le forze della natura per alimentare anima e corpo. Comunque l'acqua "solare"è un semplice metodo di sfruttamento dell'energia solare che secondo la cromatologia può aiutare ad alleviare la depressione, lo scoraggiamento, allontano le idee fisse, stimola il coraggio e regala calma ed equilibrio. Secondo la cromatologia, l'acqua solare permette anche ai chakra (sette centri energetici principali distribuiti lungo la nostra colonna vertebrale) di assorbire l'energia del sole  inviando le sue proprietà benefiche per tutti i sistemi del corpo. Ecco come preparare la vostra acqua solare: La tecnica è molto semplice. In poche parole è acqua messa una bottiglia di vetro colorito o di chiaro e poi avvolto con cellophane colorato. Le bot

Macchie nere sulle parti plastiche/silicone del box doccia

Immagine
Preparare una crema con 2 parti di succo di limone, 1 parte di olio di girasole (quello da friggere) e 1 parte de alcol rosa o bianco (esempio: per 100 ml di succo, 50 ml di olio e 50 ml di acqua ossigenata 40 volumi e sale fino i.q.b per fare una crema abrasiva e fluida. Strofinare la parte macchiata con la crema di limone/olio/ acqua ossigenata 40 volumi/sale, usare una spazzola per bucato Lasciare in ammollo per 1 ora e quindi strofinare con detersivo per i piatti a mano biologico o a basso impatto ambientale, oppure con sapone di marsiglia usando sempre la spazzola Ammollo per 30 minuti e risciacquo con acqua abbastanza calda (usare guanti e stivali in gomma se volete usare acqua abbastanza calda). Se non avete l'acqua ossigenata potete usare la candeggina delicata.

Candeggiare le scarpe da ginnastica macchiate e ingialite

Immagine
A mano: sapone di marsiglia bicarbonato acqua ossigenata 40 volumi (cremosa cosmetica) 1 limone spazzolino da dente spugna Con la spugna strofinare la scarpa con abbondante sapone di marsiglia Fare una papetta un po' abrasiva con acqua ossigenata e bicarbonato mettere sulla scarpa (una zona alla volta) e strofinare con lo spazzolino Chiudere le scarpe in una busta di preferenza non trasparente, mettete la prima scarpa a cui avete fatto il trattamento, chiudete la busta, metteteci quindi l'altra e chiudete la busta. Ammollo per 1 ora Strofinate ogni scarpa con succo di limone Ammollo per 30 minuti Lavaggio Per ammorbidire le scarpe potete usare della glicerina (farmacia) o crema idratante per il corpo

Come togliere i residui di materiali edili/cementizi

Immagine
La polvere rilasciata dai materiali edili (le polvere cementizie) e anche i residui solidi più duri sono difficili da asportare dal pavimento poiché essendo più pesanti rispetto alla normale polvere tendono a precipitare sul pavimento e quindi un semplice panno umido non è in grado di pulire perfettamente (o almeno ci vorranno tante passate). I residui solidi sono anche questi difficili da togliere e l'uso della spatola o/e l'uso di acidi forti possono rovinare il pavimento circostante. Quindi per lavare per bene il pavimento potete usare l'acqua della cottura delle patate, quest'acqua e capace di pulire bene o residui, quindi dovete cuocere alcune patate e usare l'acqua tiepida per lavare il pavimento. Mettete un po' d'acqua di cottura per terra e strofinate con scopa o spazzola di saggina. Aspettare circa 30 minuti e risciacquare con acqua e aceto. 

Porosità profonda e/o fessure sul marmo

Immagine
Quando la porosità sul marmo è profonda e non solo superficiale a volte le operazione di pulizia e smacchiatura (qui sul blog potete trovare un grande numero di soluzioni per il marmo), non bastano per renderlo lucido a specchio. Per un effetto più lucido e per riempire le porosità eccessive/fessure potete fare uso di oli e cere: olio di lino cotto cera d'api o di carnauba panno di flanella o panno giallo In un pentolino sciogliere della cera d'api i.q.b per coprire la macchia, quando la cera sarà sciolta aggiungere 1 parte di olio per ogni 2 parti di cera e mischiare Lasciare intiepidire in modo che la cera possa essere toccata (non è un problema se si solidifica) Applicare uno strato di cera sulla zona interessata , prendere un phon e scaldare bene la cera per farla penetrare Lucidare con panno in flanella o panno giallo asciutto e pulito.

Candeggiare i vestiti con il bianco di Luna

Immagine
Una credenza popolare dice che i vestiti bianchi abbiano la capacitò di assorbire il bianco di luna diventando di conseguenza più bianchi. Questo vuol dire che se si stende il bucato bianco di notte sotto la luna piena questi risulteranno più bianchi e brillanti. Sarà vero? Sarà una sciocchezza? Comunque una spiegazione ci sarebbe: La Luna piena di solito si fa vedere nelle notti di cielo pulito e provocherebbe la condensazione delle gocce di aria umida dell'atmosfera che una volta sciolte impregnano i vestiti. Queste gocce sarebbero ricche in elementi ossidanti molto simili a quelli del sapone che una volta che si trovano sui vestiti contribuisce al loro candeggio. Potete fare una prova a casa vostra per vedere se questa credenza è valida o se è solo una piccola favoletta carina per i bimbi. Potete provare anche a stendere i panni insaponati con abbondante sapone di marsiglia e appenderli sotto il bianco di luna per smacchiarli e candeggiarli a fondo.

Come ravvivare ed illuminare i capi bianchi con la vodka.

Immagine
La vodka è praticamente alcol puro e l'alcol è efficace per ravvivare ed illuminare il bianco dei vestiti. Un altro ingrediente molto efficace per non solo ravvivare il bianco ma anche per contrastare l'ingiallimento e il grigiore dei vestiti è il limone. Mescolando questi due ingredienti cosa otterrete? Oltre ad un drink bello pesante potete fare un sbiancante/ravvivante per i capi bianchi spenti e ingialliti. A volte i capi ingialliscono o diventano un po' color ruggine/marroncino oppure grigi perché l'acqua è un po' ferrosa, o contiene rame ed altri elementi, oppure il cloro presente nell'acqua contribuisce ad ingiallirla nel tempo. Per il cloro è possibile risolvere il problema semplicemente usando dell'aceto bianco al posto dell'ammorbidente, però nei casi più difficili potete farne uso della miscela vodka+limone. Scegliere la vodka: Una qualunque che sia poco costosa potete acquistare una da discount ad esempio. Preparazione: