Post

Ingredienti e detersivi: come usarli in sicurezza

Immagine
Spesso usiamo materiali alternativi o normali detersivi e non pensiamo che molti di questi possono essere addirittura pericolosi se manipolati male. Anche quando usiamo detersivi biologici dobbiamo proteggere le mani usando i guanti poiché la funzione dei detersivi è quella di sgrassare  e questo va benissimo per i piatto ma non per la pelle delle nostre mani quindi i guanti sono d'obbligo e non importa se il detersivo è delicato, biologico, ecologico, con glicerina ecc Facciamo un piccolo elenco Acqua ossigenata 130 volumi: infiammabile, ustionante e instabile al calore  quindi se dovete manipolarla dovete usare dei guanti spessi, di preferenza occhiali trasparenti, evitare ogni minimo contatto con la pelle, non accedere fiamme, conservare ben chiusa in posto fresco. Non va assaggiata Acqua ossigenata di qualunque volume e candeggina delicata: usare i guanti e evitare le fiamme, conservare in posto fresco Alcol rosa e bianco: evitare le fiamme poiché è uno elemento m

Pulire eccezionalmente a fondo il materasso: smacchiare, deodorare e igienizzare

Immagine
Per pulire a fondo (molto a  fondo) il materasso più sporco oppure chiuso da molto tempo, oppure per rinfrescarlo a fondo avete bisogno di: a) bicarbonato b) sapone di marsiglia c) alcol bianco (isopropilico, alcol FU, vodka, alcol per liquori) d) Acqua ossigenata 10 volumi (quella per ferimenti) o candeggina delicata biologica e) Spruzzino f) Stracci Cospargere il materasso con bicarbonato e aspirarlo per bene Riempire uno spruzzino con acqua e spruzzare la superficie del materasso Inumidire il sapone e strofinare la superficie del materasso insaponandolo abbondantemente Lasciare agire per almeno 1 ora di preferenza all'aperto (24 ore sarebbe l'intervallo di tempo ideale)  Risciacquare con panno umido cercando di togliere per bene il sapone Inzuppare uno straccio con alcol e quindi strofinare il materasso bagnandolo per bene (e a fondo) con l'alcol. Aprite le finestre o fate quest'operazione all'aperto perché nonostante l'odore dell'alcol

Soluzione alcolica per neutralizzare i cattivi odori dalle zone ascellare dei capi.

Immagine
Alcune persone hanno seri problemi per quanto riguarda neutralizzare i cattivi odori della zona ascellare delle magliette, camice ecc, abbiamo già consigliato limone, aceto, bicarbonato, sapone ecc ma per alcune persone queste soluzioni non sono state abbastanza forti. Ora consiglio una soluzione più forte e per farla avete bisogno di alcol bianco (isopropilico, alcol FU, alcol per liquori o vodka) aceto bianco 1 limone (opzionale) Dovete riempire uno spruzzino con aceto e alcol in eguali quantità e aggiungere il succo filtrato di 1 limone Ogni volta che togliete la maglietta spruzzate la zona ascellare del capo di abbigliamento e mettetelo nel cesto degli sporchi. Non bisogna lavarlo subito. Se tutto il capo odora di sudore potete usare la soluzione per fare un prelavaggio in lavatrice o a mano e quindi procedere con il normale lavaggio A mano: 1 cucchiaio per litro d'acqua Lavatrice: 1 tazzina di caffè di soluzione per ogni 5 chilo di bucato A freddo.

Serbatoio del ferro da stiro: quando l'acqua è marroncina e soluzioni

Immagine
Molti ferri da stiro non sono dotati di apertura inferiore per far fuoriuscire completamente l'acqua e il problema è che i residui di acqua che rimangono li dentro possono diventare un po' marroncini e fuoriuscire durante la stiratura macchiando i capi.   Se il vostro ferro è dotato di apertura inferiore allora ogni tanto apritela svuotando per bene il ferro e lasciatela aperta per un po' per far passare aria e asciugare/areare l'interno del serbatoio, altrimenti quando vedete che l'acqua del serbatoio è finita non chiudete il ferro ma lasciatelo aperto da 24 ore a 1 settimana in modo che l'acqua possa evaporare il più possibile.

Cavolo nero toscano: un vero toccasana per prevenire e combattere tante malattie.

Immagine
 Il cavolo nero toscano è uno degli ortaggi più ricchi in ferro che esistano e tra l'altro ha una percentuale di questo minerale è molto maggiore rispetto alla carne rossa ad esempio. Ha foglie allungate, increspate, particolarmente sode e croccanti, di color verde molto scuro, quasi nere e come non ha la gemma centrale non forma una testa centrale ma le sue foglie crescono in modo indipendente e sono abbastanza lunghe. Altri elementi molto importanti non mancano nella composizione chimica di questo ortaggio che è ricco anche in:contiene anche: Calcio Fosforo Vitamina C, A, B, E, K (anti emorragica) Iodio Il cavolo nero aiuta a combattere contro asma, bronchite e altri problemi polmonari, aiuta a combattere il raffreddore, tosse umida, infermità del fegato, calcoli renali, emorroide, problemi intestinali e sregolatezza, gastrite, ulcera, artrite e ciclo mestruale doloroso o problematico. Questo alimento contiene aiuta a combattere i problemi alla tiroide. C

ABC della coltivazione delle erbe aromatiche: Aneto ed Angelica

Immagine
Aneto Sia la foglia che i semi sono usati per dare ai cibi un aroma simile a quello dell'anice e del comino e può essere usato per dare sapore alle zuppe e salse, oppure per aromatizzare l'olio e l'aceto. Tipo: annuale rustico Altezza e apertura in cm: 95X25-30 Posizione: pieno sole Terreno: ben drenato ma umido Messa a dimora: marzo o aprile, seminare in solchi profondi 50 cm e distanziati 20 cm. Sfoltire le piantine finché non risultino distanziate di 20 cm Raccolto: Asportare le giovani foglie quando si desidera, tagliare i fusti quando i semi stanno maturando e il tempo è asciutto Moltiplicazione: da seme Angelica Le venature centrali delle foglie possono essere consumate come o nell'insalata Tipo: perenne a breve durata Altezza e apertura: 1,20 mt - 3X0,90 Posizione: luce ed ombra parziale Terreno ideale: profondo, umido e ricco Messa a dimora: primavera distanziati di 75 cm se in gruppo da 3 semi o 40 cm se un singolo seme. trapiantare le pi

Riassunto: consigli per risolvere il problema dei capi che escono ingrigiti dalla lavatrice

Immagine
Questo è un riassunto di post passati ma riprendiamo alcune soluzioni per i capi che escono ingrigiti dalla lavatrice ricordando che i capi devono essere separati: bianchi/chiari, colorati, scuri. Ricordo anche che la temperatura ideale per i panni bianchi è di 50 gradi. Se la vostra lavatrice non lavora a 50 potete provare i lavaggi a 40 o 60. Altra cosa importante: a volte i capi escono grigi perché la lavatrice non è pulita. Almeno una volta al mese fattela fare un ciclo a vuoto a 90 gradi con 1/4bicchiere di soda da bucato+1/4 bicchiere di bicarbonato oppure da 300-500 ml di aceto bianco. Ricordate anche che i detersivi biologici sono più concentrati e molto più efficaci. Alcune soluzione (non usarle tutte allo stesso tempo, provate e vedete quale può fare al caso vostro) a) Aggiungere 2 cucchiai di percarbonato di sodio (sbiancante all'ossigeno attivo in polvere) assieme al detersivo ad ogni lavaggio+1 cucchiaio di bicarbonato (misure per 1 cestello da 5 kg di bucat