Post

8 Tisane utilissime per combattere i sintomi della menopausa

Immagine
Prima di indicare alcune tisane utili per alleviare i sintomi della menopausa, sottolineo che non sono  un'alternativa ai medicinali, alle terapie d riposizione ormonale, ai pareri e prescrizioni mediche e non sostituiscono i farmaci. Quindi ascoltate sempre il vostro medico e seguite le sue indicazioni. In ogni modo esistono alcune tisane che aiutano ad alleviare i fastidiosi sintomi della menopausa come sudorazione, irritazione, stanchezza, e via dicendo. Tisana alla Damiana: Potete trovare sia la tisana vera e propria che le pasticche presso le parafarmacie o farmacie fornite. Combatte la secchezza vaginale e la diminuzione del desiderio sessuale. Tisana alla Verbena: Combatte la depressione ed stimola il buon umore, potete anche mangiarla poiché è un'erba spontanea molto comune presente nei prati di montagna o campagna. Tisana alla Passiflora: Aiuta a dormire bene e avere un sonno tranquillo e continuo. Potete sostituire con il succo. Tè Verde: Fortifi

Pulizia del telaio della portafinesta.

Immagine
La parte inferiore del telaio delle porte finestre possono accumulare polvere, terra, peli di animali e altre sporcizie difficili da eliminare anche con l'uso dell'aspirapolvere. Un metodo efficace per togliere lo sporco accumulato negli spezzi del telaio è quello di utilizzare  una scopetta di saggina poiché riesce a raggiungere anche gli angoli più piccoli e/o stretti e strappare lo strato di sporco.  Se questo  metodo non sarà sufficiente per eliminare completamente lo sporco, consiglio di cospargere gli spazi con bicarbonato, e quindi strofinare la zona interessata con una scopa per il bucato un po' bagnata oppure una scopetta per bimbi che secondo me in realtà è un salva colonna.  Quando avete finito di strofinare allora versate un po' di aceto e strofinare ancora la zona interessata finché la miscela non smetta di "friggere". Usare uno straccio in microfibra bagnato e strizzato per togliere la sporcizia che si sarà staccata. Se volet

Tipi di Rosai (Parte Due)

Immagine
Continuiamo con gli altri tipi di Rosai.. I moderni rosai a cespuglio Derivanti principalmente da ibridi ottenuti dalle rose botaniche e dalle rose antiche, sono piante a cespuglio che possono raggiungere un'altezza e una larghezza media di 1,80 metri e un diametro di 10 cm, possono essere semplici o doppi. Di solito sono rifiorenti ed entrano in fioritura da giugno a settembre. le varietà più note sono: Chinatow, Fred Loads, Friz Nobis, Fruhlingsmorgen, Cocktail e Nevada. Rosai rampicanti e sarmentosi Esiste una vasta scelta di rosai dotati di ramificazione ascendente e alcuni derivano da specie rampicanti, altri sono il risultato di mutazioni di ibridi da tea o floribunda. Di solito sono molto vigorosi e possono raggiungere da 6 a 15 metri di altezza, sviluppandosi su vecchi alberi o sui muri, i fiori sono semplici e profumati in giugno e in luglio. I meno vigorosi raggiungono da 3 a 5 metri di altezza e sono adatti ad avvolgere pilastri, tralicci e s

Come coltivare i pomodori in piccoli spazi riciclando le bottiglie di plastica.

Immagine
Per produrre pomodori bisogna avere tanto spazio e stecche per mantenerli dritti giusto? In realtà c'è un modo per produrre pomodori anche in spazzi ristretti, e anzi, in posizione verticale e senza nessun tipo di appoggio.  Come si fa? Con la tecnica della coltivazione a testa in giù, in cui le piante vengono piantate a testa in giù e quindi sarà la forza gravitazionale e un fenomeno chiamato geotropismo a sostenerle.  Cos'è il geotropismo? È un fenomeno tipico dei vegetali, e sapiamo che quando una pianta cresce il fusto cresce verso l'alto e le radici verso il basso, quando invertiamo la posizione della pianta questo modello di crescita persiste e quindi se piantiamo un vegetale in orizzontale o con la testa in giù, comunque il fusto tenderà a sfidare la forza gravitazionale e le radici invece crescono nella stessa direzione della gravità, ovvero verso il basso.  E chi informa alla pianta che questa è a testa in giù? L'ormone vegetale auxina che ca

Creare un giocattolo tiragraffi per il gatto riciclando cartone e stoffa.

Immagine
Avete un gattino a casa e volete regalargli un nuovo giochino? Con ago, filo, stoffa e soprattutto cartone potete creare un giocattolino molto originale per il vostro animaletto, e tra l'altro potrebbe servire da tiragraffi. Inoltre sarà un'opportunità per riciclare stoffa e soprattutto cartone e creare una cosa davvero "nostra" per il nostro amato animale. Di cosa avete bisogno? Quadrettino di stoffa Ago Filo Filo di cotone per uncinetto forbice Un pezzo di cartone Prendete un cartone e tagliatalo a forma di testa di gatto, e usando il cartone come modello, appoggiatelo sulle stoffe (una alla volta) e tagliate due testoline sulla stoffa, ricordate che dovete lasciare uno i due centimetri di bordo per la cucitura e quindi le testoline di stoffa saranno un po' più grandi rispetto alla testolina di cartone. Per unire tutto quanto bisogna fare una specie di "sandwich", quindi le sue stoffe sono il pane e il cartone sarebbe l'hamburger

Lavaggio dei capi e tessuti molto maleodoranti: come neutralizzare completamente gli odori anche in lavatrice.

Immagine
Se i capi d'abbigliamento, copridivano, lenzuolo ecc emanano un odore molto sgradevole, magari perché è capitato che i bimbi o gli animali abbiano rovesciato qualcosa, prima di partire con il lavaggio vero e proprio sarebbe consigliato iniziare con un prelavaggio. Come si fa il prelavaggio in questi casi? Semplicemente con aceto e/o bicarbonato e acqua fredda. Quindi adagiate il tessuto in lavatrice e inserite una pallina da bucato piana q.b. di aceto bianco (di alcol, mela o vino), oppure inserendo la pallina con bicarbonato q.b, e aceto bianco puro nel scomparto dell'ammorbidente, scegliere il lavaggio rapido a freddo e senza centrifuga.  A fine lavaggio scegliere un ciclo normale usando il vostro detersivo e altri prodotti per il bucato che preferite: sbiancante, bicarbonato, aceto bianco, acido citrico e via dicendo. Facendo il prelavaggio non rischiate di togliere i capi dalla lavatrice ancora maleodoranti eppure la lavatrice stessa. 

7 ingredienti tipici della cucina orientale ottimi per la nostra salute.

Immagine
Torna da noi il nostro alieno Veganino con i suoi consigli per l'alimentazione... Oggi la cucina orientale va molto di moda e comunque è un bene poiché nonostante sia una cucina semplice è davvero molto sana. Ovviamente bisogna fare attenzione agli alimenti crudi serviti in certi ristoranti. La cucina orientale offre molto alimenti validi per vegani e vegetariani e molti di questi possono essere incorporati nella nostra cucina di tutti i giorni, insomma si può fare la tanto menzionata "cucina fusion". Ed ecco un elenco degli ingredienti orientali che fanno bene alla salute: Funghi orientali : fanno bene alla salute del cervello, fegato e sistema immunitario Wasabi : accelera il metabolismo e la digestione e aiuta a dimagrire Semi di sesamo : ricchi di omega tre, minerali, ferro e proteine Tofu : contribuisce alla manutenzione dei livelli ormonali, soprattutto gli ormoni femminili Alghe : mantiene sani cuore e cervello, combatte gastrite e ulcera, ricca di