AGGIORNAMENTO PAGINE: 07/08 Solidarietà; 02/08 Macchie; 01/08 Appuntamenti; 28/07 BAUMIAO Anziani; 28/07 Adozione Urgente; 26/06 Adozione; 20/06 Stampabili; 15/15 FAQ.

18 marzo 2009

Latte di Mandorle: come prepararlo a casa


Per primo devo dire che questa è una mia ricetta personalissima, come si dice in giro "rivisitata"... se volete provare eccola qua:

200 gr. di mandorle sgusciate e pelate
30 gr di zucchero
1 cucchiaio di fior d'arancio
1 litro di latte di soia

pestare le mandorle nel mortaio unendo lo zucchero e l'acqua di fior d'arancio. 
passarle in casseruola, unire il latte di soia; portare a bollore e fare bollire piano per 5 minuti circa.

Filtrare (io preferisco usare un canovaccio). Lasciare raffreddare a temperatura ambiente prima di mettere in frigorifero.

6 commenti:

Anonimo ha detto...

Ciao a tutti, non voglio offendere nessuno però vi devo dire che il latte di mandorla va fatto senza il latte di soia o altri tipi di latte...

Si può fare in tantissimi modi diversi ma fondamentalmente non bisogna mettere a bollire le mandorle per non alterarne le proprietà nutritive;

Se vogliamo essere pignoli possiamo evitare anche di sbollentare le mandorle per togliere la buccia, basterà infatti lasciarle a mollo per 24 ore in acqua fredda per ottenerle super idratate e facili da sgusciare..

Poi invece di usare il frullatore bisogna usare olio di gomito e mortaio di marmo (con pestello di legno) perché solo schiacciando le mandorle il succo esce bene.. non frullando..Purtroppo!

Inoltre, a differenza del latte di mandorla acquistato nei negozi, quello fatto in casa è più nutriente!

Ricordatevi di consumarlo entro 3 giorni, anche se io ci metto non più di un ora :p!

Che sapore ha la tua ricetta?

Ciao ciao

PS: Il cucchiaio di fiori d'arancio è molto allettante, lo proverò anche io la prossima volta..

Vivere Verde ha detto...

figurati, purtroppo non so il tuo nome per cui simpaticamente te chiamerò anonimo...

questo blog è sempre aperto allo scambio di idee positive o negative, non è un problema...

quanto al latte di soia della ricetta come detto all'inizio del posto questa è una ricetta "rivisitata" secondo gusti personali. Si sa che il latte di mandorle tradizionale è fatto con acqua e basta, però non vogliamo soltanto ripubblicare le cose ma anche proporre nuove idee. Il latte di soia è soltanto un ingrediente in più che sicuramente non nuocerà la salute di nessuno, anzi.

Quanto alla bollitura delle mandorle o di qualsiasi altro alimento non sarei d'accordo perché i cereali bolliti rilasciano le loro proprietà nutrizionali giusto nel liquido di cottura, in questo caso nel latte di soia che poi sarà utilizzato.

La perdita delle capacità nutrizionali c'è ad esempio nel caso delle verdure lessate in parecchia acqua e per molto tempo, poiché al momento che buttiamo quell'acqua gettiamo via tutte le vitamine, minerali ecc li rilasciati durante la cottura.

Quanto al fiore d'arancio diciamo che oltre ad aromatizzare il latte aiuta a renderlo più gustoso.

Anonimo ha detto...

Sono sempre io... l'anonimo ;)

Volevo dirti che mi hai convinto, il vero cucinare non è seguire una ricetta alla perfezione, ma vuol dire metterci dentro della propria fantasia e del proprio cuore..

Ti ringrazio per lo scambio di opinioni..

Ultimamente sto' provando ad utilizzare un mattarello al posto del pestello e devo dire che è molto più veloce... solo bisogna avere un occhio di riguardo in più per la parte igienica della questione.. Un cappello ed un paio di guanti insomma..

Purtroppo però le mandorle non erano buone e quindi non ho potuto sapere di quanto mi sono avvicinato all'ideale "bicchiere di latte pastoso da bar"...

Non ho ben capito se le ho rovinate io, mettendole a bollire per 3 minuti per una spellatura flash, oppure erano scadute loro... ma credo la seconda...

Quando le rifarò vi dirò...

Ciao ciao e buona cucina a tutti!

Vivere Verde ha detto...

ciao anonimo, o come si dice a Roma: ciao ano'...

comunque è una bella idea questa del matterello, magari per facilitare un po' il lavoro sarebbe meglio mettere un canovaccio sulle mandorle e poi passare sopra il matterello....

una bollitura di 3 minuti devo dire che non rovinano le mandorle, però magari basterebbe 1 minuto e mezzo.... da vedere, poiché dipende sempre della qualità delle mandorle alla fine.

Comunque rifalla, magari anche usando nuovi metodi e scambiamo le ricette qui...

a presto

Anonimo ha detto...

Salve a tutti e vi ringrazio per le preziose informazioni; volevo solo sottolineare che le mandorle appartengono fondamentalmente alla categoria dei grassi, quelli buoni che dovremmo mangiare piu' spesso e proprio per questo e per il discreto contenuto di proteine, non possono essere considerate come carboidrati. Purtroppo la cottura, sbollentatura o tostatura, come ben saprete, altera il grasso presente che non e' piu assorbibile in forma buona dall'organismo .. medici e sportivi suggeriscono latte di mandorla proprio perche' e' un alternativa piu' salutare dal punto di vista proteico e di grassi al latte vaccino, ma senza cottura o simili, perche' perde proprio le sue qualita nutrizionali. Resta ovviamente l'ottimo sapore. E' vero che invece i carboidrati complessi (pasta, riso, avena, miglio, farro, etc.) vanno ben cotti per rendere disponibili i nutrienti. un saluto :), Marina

Vivere Verde ha detto...

grazie marina :)