Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2019

Tecnica sensoriale per la meditazione e il rilassamento

Immagine
Esistono molte tecniche di meditazione e/o rilassamento basate su la preghiera, la riflessione, il contatto con il "io" interiore e via dicendo, in ogni modo esiste una tecnica basata sulle sensazioni, cioè che invita il soggetto ad abbandonare un pochino dal proprio "io interiore" ed utilizzare gli stimoli esterni per riequilibrare la mente e le energie vitali. Per fare questa meditazione avete bisogno di: Una bacinella  grande abbastanza per mettere i piedi Sale grosso da cucina Olio EVO alla lavanda e un bruciaessenze Vestiti comodi e un po' larghi in puro cotone Musica Una sedia comoda o poltrona Dovete riempire la bacinella con il sale grosso e accendere il bruciaessenze versando 10 gocce di OE nell'acqua Scegliete una playlist che vi faccia rilassare, esistono molte, spesso uso la playlist del film "il meraviglioso mondo di Amelie" , ma ci sono alcune altre opere come Clair de Lune di Debussy, Canone e giga

Ricetta Vegana: Patate al "murro"

Immagine
L'autunno è arrivato e finalmente possiamo usare il forno, evviva! E quindi il nostro amico Veganino è tornato da noi con una ricettina che lui ha portato dal Portogallo.  Il piatto si chiama " Patate al murro " e murro in lingua portoghese vuol dire pugno o colpo, e ora vediamo come si prepara il piatto: Ingredienti: Patate Rosmarino fresco Cipolla rossa  Sale grosso Pepe nero  Olio EVO Preparazione Lessare le patate Versare un po' di olio EVO sul fondo della forma Adagiare le patate nella forma Schiacciare con la mano o con un attrezzo per pestare Tagliare la cipolla a fettine e distribuire sopra le patate, quindi rosmarino, sale grosso, pepe e altro olio EVO Forno preriscaldato a 180 gradi per 15-20 minuti. La cipolla utilizzata è questa: Siccome erano bio ho deciso di non levare le bucce delle patate.

Galactus riuscirà a sconfiggere le nostre supereroine?

Immagine
Ultimamente Galactus, il distruttore di mondi che ha come l'unico scopo è quello di nutrirsi dei mondi pieni di vita, sta facendo molti danni, nonostante alcune super eroine cerchino coraggiosamente abbiano decido di combattere questo villano, purtroppo lui sta riuscendo ad avere la meglio, anche perché i suoi schiavi sono bravi a cercare mondi da regalare al divoratore. Nella foto potete vedere due di queste piccole supereroine, la prima sicuramente la conoscete, trattasi di Greta che rappresenta l'avanzare del nuovo contro tutto quello che è inutile e caduco ma insiste a restare lì finché non sarà finalmente ruspato via (prendo in prestito un termine molto amato da un certo politico) e non romperà più le scatole. Lei nonostante le critiche va avanti e sta riuscendo a mobilizzare il futuro delle Nazioni cioè i giovanissimi, quelli che se vorranno, e speriamo di sì, riusciranno a cambiare le cose in meglio se resterà ancora qualcosa dopo il passaggio di Galactus e i suoi

Metodo naturale per allontanare i piccioni dai balconi e terrazzi

Immagine
Chi non ha mai ricevuto la visita di questi resistentissimi volatili tipici dei paesaggi urbani? Spesso non è molto gradita perché le bestioline sporcano le inferriate e anche la pavimentazione. Purtroppo alcune persone arrivano a fare del male a queste creature nascondendo trappole o veleni in angoli del balcone. Esistono metodi più umani per allontanare queste creature e potete addirittura farne uso di un metodo un po' antico: i rametti di lavanda spaventa piccioni. Alcuni racconti popolari affermano che attaccare i rametti di lavanda sull'inferriata allontana i piccioni, ed io ho voluto fare il teste per comprovare se effettivamente funziona, dunque ho tagliato alcuni rametti di lavanda (ho un vaso con un piccolo arbusto) e ho preparato un mazzetto legando i rametti con un con un filo di cotone e ho usato lo stesso per appendere il mazzetto all'inferriata, quindi tutto molto semplice. Questo è il mazzetto ancora fresco E questo è stato completamen

Chichibio: Vino vegano e impegnato in progetti di salvaguardia della natura.

Immagine
Quanto può essere piacevole fare una pausa e bere un buon vino durante un pasto, davanti alla TV eppure in compagnia? Un buon vino porta allegria, ovviamente con moderazione :) Non sono una grande intenditrice ma nonostante ciò vorrei consigliare un vino che secondo me è valido non solo per quanto riguarda il gusto, che è davvero ottimo e qui a casa mia è stato un'unanimità, ma anche per quello che rappresenta. Innanzitutto è un vino vegano quindi non ci sono additivi di origine animale che spesso vengono usati per aggiustare alcune caratteristiche dei vini, ed è un prodotto abruzzese che collabora con il bellissimo Parco Nazionale di Abruzzo, Lazio e Molise e parte delle vendite di questo vino sarà devoluto ai Progetti di Salvaguardia del Parco. Il vino si chiama Chichibio ed  ed ha il marchio DOP, io ho provato è il Montepulciano d'Abruzzo. Non l'ho acquistato in Abruzzo ma a Roma quando sono andata al supermercato CONAD e per caso ho visto la bottiglia che

Piante d'appartamento adatte all'ombra: esempi e consigli per la coltivazione

Immagine
Molte persone vogliono coltivare piante d'appartamento sia per il piacere di avere angoli o spazi verdi anche all'interno della casa, oppure perché l'abitazione non è dotata di terrazzo o balcone. Il problema che alcuni appartamenti non sono molto luminosi, oppure non è possibile posizionare le piante vicino ad una finestra e in questi casi è meglio optare per una pianta d'appartamento  adatta alle zone d'ombra .  In natura diverse piante si trovano meglio nel sottobosco e all'ombra di un'altra pianta più alta o dotate di una chioma importante però non è detto che queste piante possano resistere in un ambiente chiuso come una stanza, dunque ho selezionato alcuni esempi di piante che possono resistere sia all'ombra che agli ambienti chiusi.  Una cosa importante da sapere è che benché siano adatte a questo tipo di ambiente, in ogni modo, salvo eccezioni, la loro cura non è facilissima e quindi bisogna curarla, insomma non è una pianta che va

Progetto micro orto: aceto aromatizzato alle erbe

Immagine
Il nostro micro orto, e per chi non ha letto gli altri post,  micro orto è un progetto che ha come scopo la coltivazione  di piante tipiche degli orti in ambienti cittadini, e soprattutto nei piccoli spazi come balconi, terrazze o giardini molto piccoli, e nel caso dei balconi e terrazzi parliamo di piante di piccola o media portata (non devono mai essere pesanti), e in gran parte vasi di plastica poiché più leggeri. Il micro orto non ha il solo scopo di produrre erbe o alcuni frutti come ad esempio i peperoncini, ma ha anche la finalità di creare spazi verdi nei palazzi e di conseguenza in gran parte della città, abbellire l'ambiente e servire da fonte di benessere visto che lavorare con le piante favorisce la calma e la tranquillità. Nel micro orto possono convivere anche piante che si solito non sono destinate all'alimentazione come i diversi tipi di fiori, la lavanda ecc. Non solo erbe e piccolo ortaggi da essere usati direttamente in cucina, ma anche la possibilit

6 consigli per la cura dei capelli a seguito di un taglio molto corto.

Immagine
Non è un segreto che certi trattamenti chimici possono danneggiare i capelli in modo irreversibile ed arrivati a questo punto nemmeno i migliori cosmetici per capelli, classici o biologici oppure i soliti ingredienti idratanti casalinghi come oli, burri, polpa di frutta ecc possano cambiare le situazione, e bisogna fare necessariamente appello alla Vitamina F (cioè forbici). Quando si opta per un taglio molto corto, chiamato anche pixie (io lo scelgo spesso ma più che altro perché mi vedo bene e personalmente non ho molto la fissa per i capelli lunghi, la mia unica regola è che siano lucidi e curati), però spesso quando le ragazze decidono per questo taglio hanno l'intenzione di curare i capelli per farli crescere sani. Per arrivare a questo scopo ci sono alcuni consigli di base per aiutare ad ottenere un buon risultato finale. a) Una buona alimentazione e vitamine, spesso quando i capelli diventano stopposi o molto crespi anche se non sottomessi a trattamenti c

Il ruolo degli spazi verdi e degli orti terapeutici nel benessere dei cittadini ed esempi da seguire.

Immagine
Secondo la saggezza popolare, osservare gli spazi verdi sarebbe benefico per la salute degli individui, e ora alcuni studiosi iniziano non solo a dare ragione a questa affermazione e vogliono utilizzare questa pratica nel recupero di pazienti affetti da "craving". Il "craving" secondo la OMS, sarebbe il desiderio di ripetere una determinata esperienza in funzione degli effetti rilasciati da una determinata sostanza o situazione, quindi vizio del gioco, droghe, ingestione compulsiva di alimenti e/o alcol, sigarette, ecc. Secondo una ricerca condotta dalla scuola di psicologia dell'Università di Plymouth nel Regno Unito, il semplice fatto di osservare gli spazi verdi può condurre alla riduzione dei desideri nocivi. La ricerca ha realizzato uno studio statistico per rilevare la metratura degli spazi verdi in ogni quartiere, e la visibilità degli spazi verdi dei soggetti quando essi si trovano all'interno delle abitazioni, altri fattori sono stati

Minimizzare quello che è accaduto in Amazzonia è da irresponsabili

Immagine
È davvero molto triste, e anche molto sconfortante, vedere che alcune persone che scrivono per testate giornalistiche, alcuni importanti e altri meno, oppure per siti, blog ecc, stiano cercando in qualche modo di minimizzare quello che è accaduto in Amazzonia, e molte volte questo succede per una questione di simpatia per l'attuale regime politico condotto dal Presidente Bolsonaro. Queste persone sfortunatamente non hanno capito, e credo che non capiranno, che il crollo di un sistema complesso come l'Amazzonia non produrrà effetti catastrofici sono in quella regione o in quel paese, ma sarà disastroso per tutto il mondo (anche per loro). Alcuni siti hanno scritto che Bolsonaro non è colpevole di nulla poiché sta in carica da poco e che le critiche hanno il solo scopo di abbattere un governo di destra (in realtà di estrema destra), e che sarebbe un modo per beneficiare il governo "comunista" della Bolivia o un presunto regime comunista. Allora gente, una p

Progetto micro orto e riutilizzo della plastica: un piccolo modo per rispettare l'ambiente.

Immagine
Attualmente la questione della plastica è diventata molto importante, tanto che ha generato molte discussioni sul cosa fare con tutto questo materiale che spesso va a finire nelle acque provocando problemi alla fauna marina. Noi possiamo evitare che una gran parte possa finire nelle discariche o nell'ambiente, semplicemente riutilizzando o dando un nuovo utilizzo agli oggetti.  Chi segue il blog sa che siamo impegnati con il progetto micro orto per non solo avere erbe aromatiche e anche alcuni piccoli ortaggi privi di agrotossici e a chilometro -1, ma anche per abbellire le città e rendere l'aria più respirabile. Come riutilizzare la plastica nell'ambito del micro orto, orto e giardini? Possiamo ad esempio usare i contenitori da 5 litri al posto dei tradizionali vasi per le piante, quello della foto era un contenitore di acqua demineralizzata. Ho preso il contenitore da cinque litri e quindi ho riscaldato la punta di un cacciavite, dunque ho fatto dei diversi bu

Detersivo lavanda e aceto: fai da te ed ecologico

Immagine
Esistono diversi modi per preparare i propri detersivi a partire delle erbe che possiamo coltivare in giardino, terrazze e balconi, se come me anche voi volete avere il vostro micro orto urbano non dimenticate di coltivare un po' di lavanda poiché ha tantissime utilità, in caso contrario potete raccoglierle in giro a patto che provengano da luoghi puliti.  Come abbiamo già parlato in post anteriori, la lavanda è una delle erbe più indicate per la preparazione dei detersivi naturali fai da te per i seguenti motivi: - profumo - allontana tarme e insetti - purifica gli ambienti - poco costoso (parliamo della lavanda fresca e non dell'OE) - ecologico La preparazione è molto semplice, avete bisogno di alcuni rametti freschi con o senza fiori, circa 100 gr per litro d'acqua ma in ogni modo non è un problema se vengono usati ancora più rametti, e aceto bianco o di mele oppure alcol (uno qualunque, va bene anche la vodka). L'aceto o l'alcol sono i