Passa ai contenuti principali

Piantando il proprio alimento: come creare la propria banca dei semi ed stimolare la loro germinazione.



Gli orti urbani realizzati sia sui balconi che sulle terrazze oppure su piccoli fazzoletti di giardino vanno molto di moda, e ormai  i fiori e le piante ornamentali convivono serenamente con pomodori, peperoni, peperoncini, e via dicendo. Se anche voi avete fatto un piccolo orto in vaso vi dico che potete passare ad un livello successivo cioè avviare la vostra "banca dei semi" personale per poter iniziare una nuova coltura anno dopo anno con semi derivati da piante che vi ha dato più soddisfazioni: esemplare più forti, più resistenti al caldo o al freddo oppure ai parassiti, buona produzione, buona qualità dei frutti ecc. Ci sono alcuni accorgimenti per avere appunto una banca dei semi in grado di generare piante forti e con alto tasso di germinazione:

Scegliere frutta, ortaggi e fiori provenienti solo da piante sane;

Non scegliere i frutti di fine produzione poiché hanno una qualità inferiore;

Non solo scegliere frutti sani ma devono essere anche molto maturi per avere appunto semi fisiologicamente maturi altrimenti non germineranno anzi, probabilmente marciranno;

Raccogliere i semi e lavare con acqua corrente per eliminare la polpa e la mucillagine, un setaccio è molto utile;

Appoggiare i semi su un tovagliolo in stoffa assorbente (cotone, lino ecc.), canovaccio o carta assorbente e appoggiare su una superficie piatta o quasi: lattina o il suo coperchio, piattino, tagliere ecc., e conservare in un luogo asciutto e luminoso ma non esposto al sole diretto. Ogni tanto bisogna girare i semi e cambiare la stoffa o la carta, e cosa più importante: l'aria deve sempre circolare altrimenti si ammuffiscono. Quando saranno ben asciutti possono essere conservati.

Semi di peperone asciutti.


Semi di zucca asciutti.

Tutti questi semi saranno ulteriormente puliti (polvere, pezzetti di carta, semi con un brutto aspetto) prima della conservazione vera e propria.

Conservazione: Attualmente preferisco utilizzare la carta velina ma vanno bene anche i normali fogli di carta 100% cellulosa, la carta da imballaggio, le bustine di carta e i cartoncini, mai la plastica. Per conservare le bustine preferisco le lattine poiché si chiudono bene, sono valide anche le scatole di carta o cartone, legno oppure i barattoli di vetro. 

Germinazione: un trucco molto interessante per "attivare" i vostri semi è quello di farne uso dell'acqua ossigenata 10 volumi, e questo non è un consiglio casalingo ma il frutto di alcuni studi scientifici che attestano  che il trattamento del semi con una soluzione di acqua ossigenata è in grado di rompere la "quiescenza" e la "dormienza" dei semi e non solo stimola la germinazione e diminuisce il tempo necessario perché avvenga. In uno studio due gruppi di semi sono stati messi rispettivamente in acqua distillata e una soluzione di acqua e acqua ossigenata ed è stato osservato che nel secondo gruppo è comparso un maggior numero di semi germinati e una diminuzione del tempo necessario sia appunto per la germinazione che per la comparsa di radici, inoltre l'acqua ossigenata ha sterilizzato i semi combattendo muffe e altri patogeni. 
Questo metodo può andare bene per tutti i semi? Siccome nel pianeta abbiamo un numero gigantesco di piante, frutti e appunto di semi è molto difficile dare una risposta universale, ad esempio però alcuni semi con tegumento molto resistente sono germinati solo quando sottomessi alla scarificazione meccanica però l'acqua ossigenata serve anche per sterilizzarli.

Per quanto riguarda il mio piccolo orto sono soddisfatta dei risultati che ho ottenuto da quando utilizzo questo metodo però il mio è un "nano universo" perciò vi consiglierei di fare un test piantando dei semi trattati con acqua ossigenata e altri che non hanno ricevuto nessun trattamento e osservare il risultato. 

La proporzione è di 2 ml di acqua ossigenata 10 volumi (mai quella cremosa) in 500ml di acqua demineralizzata o distillata, e se volete fare il test in un ambiente il più sterile possibile allora bisogna utilizzare o l'acqua distillata oppure acqua demineralizzata previamente bollita, e un recipiente lavato e disinfettato con alcol a 70 gradi, i semi vanno lasciati in ammollo per 48 ore ad una temperatura di circa 24/ 30 gradi Celsius, dopodiché basterà seminare. 

Per avere una banca dei semi valida bisogna catalogare il vostro lavoro e dunque scrivere il nome del vegetale sulla carta/busta. Potete optare per il nome di uso comune, per il nome scientifico oppure per un nome qualunque  "peperoncini regalati dalla signora.." e scrivere l'anno o la data completa. 


Alcuni esempi


Porta caramelle (latta e carta)

Questi semi possono essere messi in vendita? Molte persone scelgono di mettere in vendita i propri semi su internet e ciò va a criterio visto che questi semi seppur ottimi non sono controllati come quelli che compriamo in bustine e provisti di garanzie e informazioni rilasciate dai produttori, altre persone invece scelgono di regalarli o scambiarli.

Quanto durano questi semi? Sarebbe difficile dare un tempo preciso ma solitamente la durata è di un anno però mi è capitato piantare semi vecchi di 5 anni ed ottenere delle piante sane. 

Ricordiamo che tutte queste informazioni sono rivolte a chi vuole costruire il proprio orto a livello casalingo e non parliamo di grandi produzione poiché per queste ci sono metodi specifici e spesso molto più complicati. 

Buon Orto!

--------------------------------

Alcun studi sull'acqua ossigenata e i semi




Post popolari in questo blog

Come togliere le macchie di prodotti acidi e/o aggressivi dai pavimenti

 [RIEDIT] Per cancellare o almeno mascherare le macchie di prodotti acidi (anticalcari, acido muriatico, detersivi acidi industriali, detersivi scioglie cemento, sgorganti, prodotti per il WC) oppure prodotti di pulizia aggressivi (sgrassatori, multiuso, detersivi aggressivi, disincrostanti, prodotti a base di soda caustica ecc) caduti sul pavimento in cotto, gres, ceramica ecc seguite il passo passo: 1. Cospargere la macchia con bicarbonato e strofinare con una spugna bagnata e insaponata con abbondante sapone di marsiglia 2. Posa per 10 minuti e risciacquo con acqua e alcol (3 parti di acqua per 1 di alcol rosa o bianco) 3. Preparare una soluzione fatta con 2 parti di aceto e 1 parte di olio di lino crudo (ferramenta/bricolage/belle arti), inumidire un panno morbido (panno giallo o flanella)  e strofinare la macchia (usare poca miscela alla volta per non ungerci troppo il pavimento 4. Metterci un foglio di giornale sopra e sgrassare il giorno seguente con acqua saponat

Come risaltare l'odore del detersivo in lavatrice e come avere un bucato più profumato

Io personalmente non sono molto fissata con il profumo del bucato perché in realtà a me basta che sia pulito, smacchiato e privo di cattivi odori, però so che a praticamente tutte le persone il profumo di bucato appena lavato è molto importante e a volte non si riesce ad ottenerlo con i detersivi che siano bio o tradizionali, o almeno magari il profumo c'è ma non cosi forte da lasciare la scia. Comunque ci sono alcuni modi per rendere il bucato più profumato ed ecco alcuni: a) Fare un prerisciacquo con acqua fredda e una soluzione contenente succo di limone non diluito (tipo 1 bicchierino da caffè. Inoltre il limone illumina il colore bianco e blocca l'effetto ambrato sui vestiti bianchi e chiari b) Fare un apposito profumo per il bucato da aggiungere assieme al detersivo usando gli oli essenziali. Se amate un profumo più fresco potete usare questa miscela: 10 gocce di OE di cedro o pino, 10 gocce di OE di bergamotto, 5 gocce di OE di lavanda e 5 gocce di OE di g

Candeggina e Ingiallimento dei Tessuti

Evitate di usare la candeggina per sbiancare i tessuti,perché oltre ad essere un prodotto molto inquinante, ingiallisce e rovina le fibre dei tessuti che a lungo andare invecchiano e perdono forma. L'ingiallimento si presenta quando residui di candeggina rimangono intrappolati nel tessuto (specialmente quando usiamo l'ammorbidente) e questi, al contato con la luce, o con l'aria, reagiscono e ingialliscono e invecchiano il tessuto. Per questo molte volte le tovaglie, calzini e camicie riposte dentro all'armadio col tempo sono molto gialle. Cercate di usare l'acqua ossigenata o uno sbiancante all'ossigeno attivo a base di percarbonato per sbiancare i tessuti. Se invece la macchia è molto difficile, come quelle lasciate da altri tessuti (colori che migrano), e dovete proprio usare la candeggina, per primo non la mischiate con nessun altro prodotto, nemmeno col detersivo in polvere, perché la sua azione sbiancante diminuisce, basta acqua fredda

La pulizia dei pavimenti in Gres Porcellanato

GRES PORCELLANATO GREZZO : questo tipo di pavimento ha degli orifizi microscopici dove lo sporco rimane intrappolato. per questo i detersivi comuni non riescono a levare via tutto il grasso e sporcizie che li s'accumulano e ingrigiscono il pavimento. Inoltre il calcare tende ad accumularsi su questo tipo di materiale, per questo il detersivo deve essere un po' acido per riuscire a levare il grasso, il calcare e la polvere intrappolata. Con questo detersivo fai da te potete avere un pavimento sempre più bello e senza aloni 3l d'acqua 5 cucchiai d'aceto bianco 5 cucchiai di alcol 1 goccia (pochissimo) di detersivo per piatti. Mischiate e passate sul pavimento. GRES PORCELLANATO LUCIDO : questo tipo di pavimento ha degli orifizi più larghi e di conseguenza più assorbenti e possono macchiarsi con facilità. Invece dei normali detersivi è meglio usare un detersivo alcalino e anticalcare, e per farlo bastano: 3l d'acqua 2 cucchiai di bi

Come pulire a fondo l'interno delle cappe molto sporche e piene di grasso

A volte le cappe sembrano pulite almeno all'esterno però quando ci dimentichiamo di pulire il suo interno e quindi il grasso si accumula in modo tale che a volte è difficile rimuoverlo e quindi bisogna fare una pulizia più mirata. Ricordiamo che l'eccesso di grasso danneggia i componenti interni della cappa. 1) Prendere un panno umido e spruzzarlo con aceto bianco o rosso e quindi passarlo su tutta la parte interna della cappa 2)Insaponare bene una spugna da cucina con abbondante sapone di marsiglia, inumidire e cospargere con abbondante bicarbonato e inumidire nuovamente con poca acqua (serve solo per compattare il bicarbonato) 3) Strofinare bene l'interno della cappa. Per gli angoli più difficili potete usare una spazzola per i piatto o spugna con manico.

L'alcol è o no è un disinfettante?

Non è vero che gli unici disinfettanti siano o la candeggina (o altri disinfettanti con cloro), o i detti presidi medici chirurgici. L'alcol è un disinfettante e vieni ancora usato nelle strutture sanitarie. Però l'alcol disinfettante è quello puro ad una concentrazione di 70%. E quello rosa che troviamo in commercio? Serve per diminuire la carica batterica e ha una azione antisettica più leggera, ma per gli ambienti domestici va benissimo, visto che la carica batterica è ridotta. Però non va applicato sulla matteria organica (resto di cibo, urina ecc), questa va prima tolta con acqua e sapone. Ad esempio, prima di passare l'alcol sul piano della cucina sporco, lavatelo con acqua e sapone o acqua e detergente per piatti, risciacquate e per ultimo passate l'alcol. Se la superficie è pulita può essere igienizzata semplicemente se si passa un panno bagnato con alcol. Però una cosa molto importante da specificare prima di tutto è che, qualsiasi disinfettante, anche

Soluzione extra forte per recuperare il marmo rovinato, macchiato, ruvido e opaco.

Questo trattamento è stato pensato e provato per/su pavimenti/superfici in marmo che non si presentano tanto bene, cioè i pavimenti porosi, non omogenei, opachi, incrostati, macchiati, insomma rovinati. Comunque la prima cosa da sottolineare è che per avere un pavimento proprio come nuovo ed a specchio dovete chiamare un marmista per lucidare il pavimento con prodotti e soprattutto con macchinario specifico, inoltre questa è una soluzione che prevede l'uso di sostanze acide e quindi deve essere usata con attenzione e i tempi di posa devono essere molto brevi e serve per casi più disperati altrimenti potete cercare un'altra soluzione sempre sul blog.

Come togliere il calcare dal interno del ferro da stiro

Per far fuoriuscire il calcare del ferro da stiro basta riempire la caldaia con acqua da rubinetto + 2 tappi di aceto (usate quello della bottiglia), quindi aspettate 5 minuti, accendete il ferro e lasciate uscire il vapore. Quel vapore che uscirà fuori sarà pieno di calcare e qualche muffa formata all'interno del ferro da stiro.

Bruciatori del piano cottura incrostati e/o bruciati: come lavare e lucidare

Occorrono: Aceto Sapone Alga (o simile) Bicarbonato Spugna da cucina abrasiva o paglietta d'acciaio Fare bollire i bruciatori in acqua e aceto in parti uguali Chiudere la pentola e lasciare in ammollo per almeno 1 ora Togliere, risciacquare e strofinare con sapone alga e bicarbonato usando la spugna o la paglietta Risciacquare e per ultimo strofinare con solo aceto.

Come rimuovere le macchie di muffa dai vestiti

1 ) Infilare i tessuti in acqua molto calda+3 cucchiai di sale grosso 2) Tessuti Bianchi o Chiari : inzuppare la macchia con acqua ossigenata e poi chiudere il vestito dentro ad una busta plastica. Se il tessuto è molto grande, o se avete una gran quantità di tessuti da trattare metteteli in ammollo in acqua bollente, 4 cucchiai di sale grosso, e acqua ossigenata (200 ml per ogni 4 litri d'acqua). Chiudete la bacinella con della pellicola plastica. Lasciate per 1 intera giornata o intera notte. Poi basta lavare in lavatrice alla temperatura più alta che il tessuto possa sopportare (guardate l'etichetta). La seta va lavata a mano o con un ciclo dolce a 30 gradi. Tessuti Colorati o Scuri: mettete del sale fino sulla macchia e poi strofinate sopra con sapone di marsiglia inumidito. lasciate asciugare all'aria aperta. Poi il giorno seguente lavare in lavatrice normalmente. Se dovete solo togliere l'odore di umido dai tessuti basta immergerli in acqua e aceto (1 bicchier