Passa ai contenuti principali

Lithops o sassi viventi: descrizione, curiosità, tecniche di coltivazione.



Pietre vive, pianta di pietra, sassi viventi ecc. tutti questi nomi si riferiscono ad una pianta molto particolare: i Lithops!

Trattasi di una pianta appartenente alla famiglia delle Aizoaceae e a quel gruppo di piante conosciute popolarmente come "pianta grasse" e si chiamano in questo modo perché le loro foglie sono dotate di parenchima acquifero cioè un tessuto adatto ad accumulare acqua ed è caratteristico delle xerofite come i cactus e le succulente. 

Le piante sono organismi che abitano questo pianeta da almeno 500 milioni di anni e hanno sviluppato  tantissime strategie evolutive che le hanno permesso di sopravvivere anche nei luoghi più ostici del pianeta, e questa piccolissima pianta chiamata Lithops sono l'esempio perfetto di come l'evoluzione agisce sulle specie. Innanzitutto localizziamoci: da dove provengono i sassi viventi? E la loro forma molto particolare può darci un indizio? Certamente sì perché una pianta per nulla esuberante rappresenta la necessità di risparmiare e quindi la presenza in una zona del pianeta più ostica. 

Distribuzione e habitat:

Queste piante sono originarie dalle zone più secche del Sudafrica e Namibia, tollerano il caldo torrido sopra i 42 ° C e anche temperature basse di circa  -5 °C  ✋prima di andare avanti facciamo un appunto:  -5 ° C in un luogo arido sono diversi da  -5 ° C in un luogo umido, quindi fuori dalla sua zona di origine è rischioso lasciare la pianta esposta al freddo invernale intenso e soprattutto umido. 

Nel suo habitat naturale i Lithops crescono sui sassi, sul quarzo e sul suolo calcareo e quindi in ambienti proibitivi per tante altre specie vegetali tanto che in questi luoghi succede che i Lithops debbano accontentarsi  di un volume di acqua di circa 50 ml/anno. Possiede soltanto sue foglie quasi interamente sotterranee dotata di alcune importanti caratteristiche con impediscono le perdite idriche: una particolare anatomia che permette alla pianta di trattenere l'acqua grazie al ridotto rapporto superficie/volume, epidermide molto spessa e dotata di cellule diverse a seconda del punto di rivestimento della foglia impedendo la disidratazione, cristalli di ossalato di calcio che riflettono la luce, clorenchima sotterraneo (è il tessuto fotosintetizzante ricco di clorofilla e e altri pigmenti), superficie delle foglie (quella che vediamo) traslucide e in grado di incanalare la luce verso le strutture capaci di realizzare fotosintesi che si trovano nel sottosuolo (come quando la luce raggiunge una finestra),  e tutto ciò per permettere che questo importante processo avvenga in un luogo più fresco e umido. Le foglie si fondono a livello del suolo e siccome si mimetizzano con esso possono ingannare gli erbivori che confondono queste piante con i sassi nel terreno, le radici sono molto lunghe tanto che i Lithops devono essere coltivati in contenitori alti almeno 12 cm e di preferenza larghi. 

Quando la pianta inizia a fiorire si può percepire il bocciolo che emerge dal solco tra le due foglie, i fiori sono solitari e sono portati su un gambo corto, i semi si aprono quando sono bagnati perché in natura succede solo quando piove e i piccoli semi vengono dispersi dalle gocce di pioggia.

Un altro eccezionale adattamento è questo: durante un periodo di siccità più intenso le piante di Lithops possono spingersi giù nel terreno al punto di diventare semi-sotterranee e perfettamente mimetizzate, in questo modo non sono esposti agli agenti atmosferici esterni che potrebbero seccarli ulteriormente.

E per ultimo una delle sue caratteristica davvero interessante: la muta! Questi sassi viventi rimangono nel loro ambiente senza praticamente dare segno di vita finché ad un ceto punto iniziano ad aprirsi o appunto separarsi in un modo strano cioè allargando la fessura centrale sempre di più. Alcuni possono stupirsi quando osservano questo fenomeno che in realtà non è altro che un ulteriore adattamento della pianta all'ambiente arido: la due foglie danno spazio alle foglie nuove che si formano subito sotto e man mano che passano i giorni le vecchie foglie si allontanano sempre di più e il loro parenchima acquifero ricco di acqua farà da riserva di acqua e nutrienti per la pianta stessa. 

Coltivazione:

Sarebbe una pianta di sole pieno però tollera anche ambienti luminosi però deve ricevere almeno alcune ore di sole preferibilmente quello del mattino e d'altronde questa pianta dopo aver fatto tanta fatica per adattarsi alla siccità giustamente non tollera:

  1. terriccio universale o qualunque terriccio che tenda a rimanere umidiccio, compatto e/o pesante
  2. materiale organico nel substrato. 
  3. acqua in eccesso (parliamo di un quantitativo che tante altre piante considererebbero scarso)
  4. acqua in periodo di muta 👎
  5. freddo umido e soprattutto prolungato
  6. troppo concime
  7. ombra o buio
  8. troppe attenzioni 💔

Ricordiamo che trattasi di una pianta tipica di ambienti di clima secco/arido coltivata in uno più o molto più umido e che lei è in grado di "catturare acqua" anche dall'aria quindi molta attenzione con l'innaffiatura. Come orientarsi? 

  • niente acqua mentre fa la muta.
  • più l'ambiente è umido e meno avrà bisogno di essere innaffiata.
  • nel suo linguaggio "piantesco" "ho sete" è sinonimo di piccole rughe o raggrinzimenti.
  • la pianta da esterno ha molto più bisogno di acqua rispetto a quella da interno.
  • come per tutte le piante del mondo l'innaffiatura non è una ricetta di ciambellone, bisogna "sentire" e "ascoltare" la pianta.

Terreno/terriccio:

Il classico terriccio per cactus e succulente oppure sabbia grossolana (qualunque sabbia ma non quella della spiaggia), io ho scelto di sistemare le piante in substrato composto di terriccio per cactus (20%) e inerti  cioè pomice, lapilli, sassi ecc. (80%). 



Questi sono gli inerti che sto utilizzando


E questo è il terriccio per cactacee che diversamente del terriccio universale è leggero, non è compatto, umido o alcalino, non a tutti piace il terriccio per cactacee ma il mio parere è positivo e non ho mai avuto problemi.

Questi sono solo esempi e non sto facendo pubblicità per nessun marchio e ho comperato quelli che erano disponibili nel vivaio, però può capitare che qualcuno non abbia mai visto o sentito parlare degli inerti oppure non conosce altro terriccio che non sia quello universale perciò le foto possono essere di aiuto, in ogni modo si può sempre chiedere consiglio a qualcuno in negozio. 


Il "vaso" è una contenitore in polistirolo rigorosamente forato!



Ho acquistato questi Lithops al supermercato circa un mese fa ed erano in un vaso davvero minuscolo e come potete vedere sono un po' eziolate* perché probabilmente non hanno ricevuto la giusta quantità di luce per troppo tempo, quindi è stata rinvasata, adattata graduale alla luce e al sole (tutte le piante che non sono/erano coltivate in un regime di luce diretta o sole pieno hanno bisogno di un tempo per adattarsi altrimenti le foglie possono scottarsi e le piante più fragili rischiano di morire), e per ultimo ha ricevuto una buona quantità di acqua demineralizzata e fino ad oggi non ha ricevuto altra. 


Appena rinvasata


Inizio della muta che avviene solitamente durante l'inverno o inizio primavera.

Normalmente dopo la muta verrà fuori una pianta ma in alcuni casi il Lithops si sdoppia e spesso succede se si trova a suo agio nel suo ambiente e osservando bene la prima immagine del post si vedono non una ma ben due nuove piantine (lo sdoppiamento) sotto le vecchie foglie che si essiccheranno totalmente e ci penserà la pianta stessa ad eliminarla. Come abbiamo detto questa pianta non ama tante attenzioni e quindi bisogna evitare di tirare, toccare, strappare le foglie o peggio ancora innaffiare la pianta quando sta facendo la muta perché in questa fase può marcire molto facilmente, e ricordate che trattasi di una pianta molto indipendente

Concimazione:

Concime per cactacee con quantità dimezzate rispetto a quelle indicate, una o due concimazioni annuali sono sufficienti.

Malattie:

Se coltivate in un terriccio non adatto o se si esagera con l'acqua le malattie fungine e l'attacco dagli insetti e di conseguenza dalle larve saranno inevitabili.

La cocciniglie cotonose può dare molto fastidio a questa pianta e in questo caso bisognerà pulire la pianta con acqua saponata con sapone allo zolfo (250 gr di sapone vegetale allo zolfo in 5 litri di acqua, lasciare in più possibile e utilizzare man mano che serve, un altro insetticida efficace contro la cocciniglia è il decotto di aglio e l'olio di neem (che può essere aggiunto all'acqua saponata nella proporzione di 20 gocce per litro di acqua saponata con sapone allo zolfo). 

Nel caso di malattie o parassiti della radici si può cercare di salvare la pianta innaffiandola con acqua ossigenata 10 volumi (quella farmaceutica) diluita in acqua demineralizzata in una proporzione di 1 cucchiaino per litro di acqua. L'acqua ossigenata fornisce ossigeno ed è antisettico, antimicotica, cicatrizzante e disinfetta l'ambiente ma deve essere diluita prima dell'uso per non danneggiare la pianta. 

E questa è la storia dei miei Lithops e del modo come li sto coltivando devo dire con molte soddisfazioni e dunque una esperienza personale e per nulla universale o scientifica e non è detto che non ci siano altre più efficaci. E quindi incorporate queste meraviglia della natura alla vostra Urban Jungle.

💡Lo sapevate che esiste una Lithops Foundation? Non solo esiste ma visitando la loro pagina potete apprezzare le foto di queste incredibili pianta nel loro habitat naturale! Allora vi lascio il loro link: 

https://www.lithopsfoundation.com/

Volete conoscere le piante del mio Orto Urbano e della mia Urban Jungle? Oppure avere qualche consiglio per coltivare le piante? Allora visitate il nostro Instagram dedicato al modo della botanica.

* Eziolamento: quando le piante ricevono una quantità di luce inferiore a quella richiesta dal suo metabolismo questa si allunga per cercare di raggiungere questa luce e siccome non ci riesce ad un certo punto si indebolisce assumendo un aspetto anomalo fino a deperire. Come differenziare la normale crescita dall'eziolamento? Alcune persone credono che la pianta stia crescendo moltissimo ma in realtà sta eziolando e si può notare questo problema quando la distanza tra le foglie aumenta e quindi  tra gli internodi, le foglie diventano troppo piccole o troppo sottili e con il tempo cadono o si indeboliscono. 


Post popolari in questo blog

Come togliere le macchie di prodotti acidi e/o aggressivi dai pavimenti

 [RIEDIT] Per cancellare o almeno mascherare le macchie di prodotti acidi (anticalcari, acido muriatico, detersivi acidi industriali, detersivi scioglie cemento, sgorganti, prodotti per il WC) oppure prodotti di pulizia aggressivi (sgrassatori, multiuso, detersivi aggressivi, disincrostanti, prodotti a base di soda caustica ecc) caduti sul pavimento in cotto, gres, ceramica ecc seguite il passo passo: 1. Cospargere la macchia con bicarbonato e strofinare con una spugna bagnata e insaponata con abbondante sapone di marsiglia 2. Posa per 10 minuti e risciacquo con acqua e alcol (3 parti di acqua per 1 di alcol rosa o bianco) 3. Preparare una soluzione fatta con 2 parti di aceto e 1 parte di olio di lino crudo (ferramenta/bricolage/belle arti), inumidire un panno morbido (panno giallo o flanella)  e strofinare la macchia (usare poca miscela alla volta per non ungerci troppo il pavimento 4. Metterci un foglio di giornale sopra e sgrassare il giorno seguente con acqua saponat

Come risaltare l'odore del detersivo in lavatrice e come avere un bucato più profumato

Io personalmente non sono molto fissata con il profumo del bucato perché in realtà a me basta che sia pulito, smacchiato e privo di cattivi odori, però so che a praticamente tutte le persone il profumo di bucato appena lavato è molto importante e a volte non si riesce ad ottenerlo con i detersivi che siano bio o tradizionali, o almeno magari il profumo c'è ma non cosi forte da lasciare la scia. Comunque ci sono alcuni modi per rendere il bucato più profumato ed ecco alcuni: a) Fare un prerisciacquo con acqua fredda e una soluzione contenente succo di limone non diluito (tipo 1 bicchierino da caffè. Inoltre il limone illumina il colore bianco e blocca l'effetto ambrato sui vestiti bianchi e chiari b) Fare un apposito profumo per il bucato da aggiungere assieme al detersivo usando gli oli essenziali. Se amate un profumo più fresco potete usare questa miscela: 10 gocce di OE di cedro o pino, 10 gocce di OE di bergamotto, 5 gocce di OE di lavanda e 5 gocce di OE di g

Candeggina e Ingiallimento dei Tessuti

Evitate di usare la candeggina per sbiancare i tessuti,perché oltre ad essere un prodotto molto inquinante, ingiallisce e rovina le fibre dei tessuti che a lungo andare invecchiano e perdono forma. L'ingiallimento si presenta quando residui di candeggina rimangono intrappolati nel tessuto (specialmente quando usiamo l'ammorbidente) e questi, al contato con la luce, o con l'aria, reagiscono e ingialliscono e invecchiano il tessuto. Per questo molte volte le tovaglie, calzini e camicie riposte dentro all'armadio col tempo sono molto gialle. Cercate di usare l'acqua ossigenata o uno sbiancante all'ossigeno attivo a base di percarbonato per sbiancare i tessuti. Se invece la macchia è molto difficile, come quelle lasciate da altri tessuti (colori che migrano), e dovete proprio usare la candeggina, per primo non la mischiate con nessun altro prodotto, nemmeno col detersivo in polvere, perché la sua azione sbiancante diminuisce, basta acqua fredda

La pulizia dei pavimenti in Gres Porcellanato

GRES PORCELLANATO GREZZO : questo tipo di pavimento ha degli orifizi microscopici dove lo sporco rimane intrappolato. per questo i detersivi comuni non riescono a levare via tutto il grasso e sporcizie che li s'accumulano e ingrigiscono il pavimento. Inoltre il calcare tende ad accumularsi su questo tipo di materiale, per questo il detersivo deve essere un po' acido per riuscire a levare il grasso, il calcare e la polvere intrappolata. Con questo detersivo fai da te potete avere un pavimento sempre più bello e senza aloni 3l d'acqua 5 cucchiai d'aceto bianco 5 cucchiai di alcol 1 goccia (pochissimo) di detersivo per piatti. Mischiate e passate sul pavimento. GRES PORCELLANATO LUCIDO : questo tipo di pavimento ha degli orifizi più larghi e di conseguenza più assorbenti e possono macchiarsi con facilità. Invece dei normali detersivi è meglio usare un detersivo alcalino e anticalcare, e per farlo bastano: 3l d'acqua 2 cucchiai di bi

Come pulire a fondo l'interno delle cappe molto sporche e piene di grasso

A volte le cappe sembrano pulite almeno all'esterno però quando ci dimentichiamo di pulire il suo interno e quindi il grasso si accumula in modo tale che a volte è difficile rimuoverlo e quindi bisogna fare una pulizia più mirata. Ricordiamo che l'eccesso di grasso danneggia i componenti interni della cappa. 1) Prendere un panno umido e spruzzarlo con aceto bianco o rosso e quindi passarlo su tutta la parte interna della cappa 2) Insaponare bene una spugna da cucina con abbondante sapone di marsiglia, inumidire e cospargere con abbondante bicarbonato e inumidire nuovamente con poca acqua (serve solo per compattare il bicarbonato) 3) Strofinare bene l'interno della cappa. Per gli angoli più difficili potete usare una spazzola per i piatto o spugna con manico.

L'alcol è o no è un disinfettante?

Non è vero che gli unici disinfettanti siano o la candeggina (o altri disinfettanti con cloro), o i detti presidi medici chirurgici. L'alcol è un disinfettante e vieni ancora usato nelle strutture sanitarie. Però l'alcol disinfettante è quello puro ad una concentrazione di 70%. E quello rosa che troviamo in commercio? Serve per diminuire la carica batterica e ha una azione antisettica più leggera, ma per gli ambienti domestici va benissimo, visto che la carica batterica è ridotta. Però non va applicato sulla matteria organica (resto di cibo, urina ecc), questa va prima tolta con acqua e sapone. Ad esempio, prima di passare l'alcol sul piano della cucina sporco, lavatelo con acqua e sapone o acqua e detergente per piatti, risciacquate e per ultimo passate l'alcol. Se la superficie è pulita può essere igienizzata semplicemente se si passa un panno bagnato con alcol. Però una cosa molto importante da specificare prima di tutto è che, qualsiasi disinfettante, anche

Soluzione extra forte per recuperare il marmo rovinato, macchiato, ruvido e opaco.

(RIEDICT) Questo trattamento serve per ripristinare o migliorare zone di pavimento in marmo mediamente rovinati, cioè porosi, di aspetto non omogeneo, opaco, incrostato, macchiato, ecc. e non è adatto per la manutenzione del marmo in buone condizioni. È necessario sottolineare che per avere un pavimento come nuovo "a specchio" bisogna che intervenga un marmista per lucidare il pavimento con prodotti e macchinari specifici, inoltre questa è una soluzione che prevede l'uso di sostanze acide e quindi deve essere usata con molta attenzione e osservando i tempi di posa che saranno molto brevi.  Questa soluzione è adatta per i pavimenti molto rovinati e che non hanno risposto ad altre soluzioni per il ripristino. Occorrono: Aceto Bicarbonato Detersivo per piatti a mano Acqua ossigenata da 30 o 40V (se il pavimento è bianco/chiaro) Alcol rosa cera d'api o di carnauba (brico/ferramenta/negozio belle arti) Limone (in alcuni casi) sale fino (in alcuni casi) stracc

Come togliere il calcare dal interno del ferro da stiro

Per far fuoriuscire il calcare del ferro da stiro basta riempire la caldaia con acqua da rubinetto + 2 tappi di aceto (usate quello della bottiglia), quindi aspettate 5 minuti, accendete il ferro e lasciate uscire il vapore. Quel vapore che uscirà fuori sarà pieno di calcare e qualche muffa formata all'interno del ferro da stiro.

Bruciatori del piano cottura incrostati e/o bruciati: come lavare e lucidare

Occorrono: Aceto Sapone Alga (o simile) Bicarbonato Spugna da cucina abrasiva o paglietta d'acciaio Fare bollire i bruciatori in acqua e aceto in parti uguali Chiudere la pentola e lasciare in ammollo per almeno 1 ora Togliere, risciacquare e strofinare con sapone alga e bicarbonato usando la spugna o la paglietta Risciacquare e per ultimo strofinare con solo aceto.

Come rimuovere le macchie di muffa dai vestiti

1 ) Infilare i tessuti in acqua molto calda+3 cucchiai di sale grosso 2) Tessuti Bianchi o Chiari : inzuppare la macchia con acqua ossigenata e poi chiudere il vestito dentro ad una busta plastica. Se il tessuto è molto grande, o se avete una gran quantità di tessuti da trattare metteteli in ammollo in acqua bollente, 4 cucchiai di sale grosso, e acqua ossigenata (200 ml per ogni 4 litri d'acqua). Chiudete la bacinella con della pellicola plastica. Lasciate per 1 intera giornata o intera notte. Poi basta lavare in lavatrice alla temperatura più alta che il tessuto possa sopportare (guardate l'etichetta). La seta va lavata a mano o con un ciclo dolce a 30 gradi. Tessuti Colorati o Scuri: mettete del sale fino sulla macchia e poi strofinate sopra con sapone di marsiglia inumidito. lasciate asciugare all'aria aperta. Poi il giorno seguente lavare in lavatrice normalmente. Se dovete solo togliere l'odore di umido dai tessuti basta immergerli in acqua e aceto (1 bicchier