Post

Visualizzazione dei post da maggio 21, 2019

Avviso

Blog in manutenzione, ci sarà un piccolo ma necessario rallentamento delle pubblicazioni.

Olio essenziale di incenso per purificare e ringiovanire la pelle.

Immagine
L'olio essenziale di incenso è ricavato dalla Boswellia carteri un'albero tipico della regione della Somalia e Coste del Mar Rosso ed ha proprietà purificanti, antisettiche, antireumatiche e antiage.  In realtà l'incenso, cioè la Boswellia, è usata ancora oggi durante le cerimonie religiose ed ha una grande valenza spirituali per molti popoli, e infatti l'olio e anche la resina profumano un po' "di chiesa". Gli egizi la usavano anche per preparare il kohl, una trucco per gli occhi con proprietà antisettiche, sarebbe come la delineatone per occhi.  Oggi possiamo usare l'olio essenziale di incenso per migliorare la nostra pelle e soprattutto quella del viso poiché questo olio ha proprietà rigeneranti per le nostre cellule, dunque per sfruttate le azioni antiossidanti, astringenti e antisettiche dell'olio di incenso abbiamo bisogno anche di alcuni altri ingredienti: olio per la diluizione, acqua o acqua di rose e argilla. Maschera An

Uso della cannella per concimare e curare le piante.

Immagine
La cannella è una spezia molto conosciuta e anche abbastanza economica e facile da trovare. Esistono molti modi per utilizzare la cannella: per la realizzazione di dolci, tisane e addirittura per abbellire i capelli. Ma la cannella può essere utilizzata anche in giardino per concimare le piante ed aiutare a guarire eventuali traumi meccanici. La cannella in polvere va mischiata al terreno per proteggere le piante dall'insorgenza di malattie fungine e batteriche, inoltre ha un'importante azione per quanto riguarda la crescita e sviluppo delle radici. Se invece la pianta ha avuto in trauma meccanico basterà cospargere la zona interessata con la cannella in polvere (anche una pasta fatta con cannella e acqua) per guarire la ferita. La cannella in polvere, o le stecche si cannella infilzate sul terriccio del vaso o nel terreno allontanano gli insetti come ad esempio le formiche. Quindi se siete appassionati di giardini, orti o avete delle piantine sul

Decorazione degli orti e giardini: identificare le piante usando tappi per vino

Immagine
I tappi per vino hanno diverse utilità e soprattutto quelli di sughero, tanto che esistono diversi tutorial di artigianato che insegnano a fare oggetti a partire dei tappi. Esiste però un modo molto facile per dare un nuovo utilizzo ai tappi per vino, e senza dover per forza realizzate una lavorazione più impegnativa.  Se avete delle piante sul balcone, un orto (anche un micro orto), un giardino oppure piante da interno, potete usare i tappi da vino per identificare le piante e decorare i vostri vasi o terreno, e per farlo avete bisogno di alcuni tappi, pennarello e stecche di bambù sottili, oppure alcuni rami sottili ma resistenti. Dovete infilzare il tappo con il rametto o con il bambù, potete usare il proprio cavatappi per realizzare un foro più profondo nel tappo, e quindi basterà scrivere il nome della pianta sul tappo e inserire il rametto o bambù nel vaso o nel terreno vicino alla pianta. Come potete osservare è un'operazione semplice però darà un toc