Post

12 usi del bicarbonato in giardino.

Immagine
Fungicida: 4 cucchiai di bicarbonato di sodio in 5 litri di acqua, mischiare e spruzzare le piante affette da malattie fungine Ravvivare le rose: Preparare una soluzione con 1 cucchiaio di bicarbonato, 1 cucchiaio di di sale di Epsom in 5 litri di acqua, annaffiare le rose. Rose da vaso: tutto quanto per 1 litro d'acqua Controllo di erbe invasive: Cospargere il terreno o le fessure sul pavimento/cemento con bicarbonato Testare il PH del terreno Bagnare la terra e versare del bicarbonato. La comparsa di bolle o reazioni con un certo effetto "frizz" indicano che il terreno è un po' troppo acido. Pomodori più dolci e protetti dalle muffe Circa ogni 15 giorni cospargere il terreno intorno ai pomodori con del bicarbonato di sodio (in realtà potete usare anche argilla verde) Allontanare i parassiti Cospargere le zone infestate con del bicarbonato. La polvere allontanerà formiche, lumache e ragnetti. Per la coltivazioni di piante alcaline A

Orchidee: trattamento delle macchie sulle foglie

Immagine
Sono diverse le cause dietro alla formazione di macchie sulle foglie delle orchidee: parassiti, batteri, virus, bruciature ecc. La cosa importante è eliminare la zona compromessa e in più gli spazi adiacenti, che nonostante non si dimostrino malati, molto probabilmente svilupperanno comunque la malattia. Tagliate la foglia eseguendo un taglio netto con senza movimenti di via vai. Coprire la zona del taglio o ferita con una miscela di cannella in polvere e gel di aloe vera (estratto dalla pianta o un gel acquistato in parafarmacia). Applicare per almeno 3 giorni. Allontanare la pianta "in cura" da eventuali altre piante e osservare l'andamento delle altre foglie. Per evitare ulteriori contaminazioni bisogna lavare il materiale utilizzato e rimuovere immediatamente le foglie malate dai dintorni. Le orchidee hanno necessità di pulizia e ventilazione.

Levigare i vestiti in lana, simil lana o acrilico

Immagine
I vestiti di lana, acrilico o simil lana con il tempo possono irruvidirsi oppure creare brutti pallini difficili da togliere. Ci sono alcuni oggetti non che di solito non vengono usati per la biancheria, ma che possono comunque essere utili per rinnovare i capi che hanno acquisto un aspetto un po' vecchiotto sopo i lavaggi. Il primo metodo per levigare i capi in lana, simil lana e acrilico, e/o togliere i pallini è con l'utilizzo della pietra pomice. Prendete la pietra asciutta e levigate delicatamente  la superficie del tessuto facendo movimenti circolari.  Il secondo metodo è quello di usare la Spugna abrasiva per muratura, la troverete nei ferramenta o bricolage.  Come con la pietra pomice dovete levigare delicatamente la superficie. la spugna è più abrasiva rispetto alla pomice, e quindi serve per quei tessuti più danneggiati. Un terzo metodo è stato trattato qui

Ricetta vegana: Rigatoni ai tre cavoli

Immagine
Il nostro caro collaboratore è tornato!! Veganino dopo un lungo viaggio ha deciso di fare una tappa qui da noi e come sempre ha voluto lasciarci una ricetta facile da realizzare come piace a lui. Allora Veganino, qual'è il piatto di oggi? Rigatoni ai tre cavoli Il nostro amico marziano vuole precisare che ha usato dei surgelati per facilitare la vita, però potete usare verdure fresche e previamente bollite.    Ingredienti:  Una busta con 250 gr di surgelati: cavolfiore, cavoletti di Bruxelles, e broccoli siciliani 2 foglie di salvia fresche 3 foglie di alloro fresche o essiccate 1 rametto di rosmarino Pane tagliato a cubetti circa 200 gr erba cipollina o prezzemolo olio EVO                                             2 spicchi d'aglio                                              sale                                              pepe nero Preparazione: In una padella imbiondire a fiamma bassa, uno spicchio d'aglio schiaccia

Come correggere l'insalata condita con troppo aceto.

Immagine
Un piccolo consiglio pratico per aggiustare velocemente qualche errore in cucina: Se avete aggiunto troppo aceto all'insalata e non avete altre foglie di lattuga per "diluire" il condimento, non buttatela, ma correggetela con della mela dolce (la fuji dolce e croccante di preferenza), basterà tagliare una o più mele a cubetti e aggiungere all'insalata. La mela donerà un sapore dolce che contrasterà l'acidità dell'insalata. Insieme alle mele potete aggiungere un po' di valeriana o songino per equilibrare l'insalata.

Le proprietà rigenerative del tè verde: combatte le smagliature e altre lesioni sulla pelle

Immagine
Uno studio ha scoperto che il tè verde può essere utile per la rigenerazione della pelle e quindi ideale per accelerare e promuovere la cicatrizzazione di ferite, smagliature, acne, psoriasi, ecc. Il meccanismo sarebbe collegato all'effetto delle catechine EGCG che hanno la potenzialità di riattivare le cellule. In pratica alcuni campioni di cellule umane sono state messi a contatto con queste catechine EGCG presenti nel tè verde. Dopo l'analisi hanno osservato che le ECGC hanno riattivato cellule della pelle già morenti.  Secondo il Dottore Stephen Hsu, responsabile dello studio, le cellule che si dirigono verso la superficie della pelle vivono in media 28 giorni, al ventesimo giorno si posizionano sullo strato superiore della pelle e poi muoiono. Però se queste cellule vengono a contatto con EGCG si riattivano. Gli effetti sarebbero limitati allo strato più superficiale, ovvero l'epidermide, però i benefici sarebbero significativi. Le cellule dell'epi

Alimenti che ripuliscono i polmoni dai danni del fummo

Immagine
Uno studio realizzato dalla Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health ha scoperto che alcuni alimenti sono in grado di ripulire i polmoni danneggiati dal fumo delle sigarette. I polmoni sani hanno una testura rosea però l'aria inquinata, e soprattutto il tabagismo, rendono i polmoni sempre più scuri. Inoltre il fumo delle sigarette fa con che i polmoni diventino meno elastici. Se la superficie di un polmone sano viene leggermente schiacciata, questa tende a tornare subito al suo stato originale, il polmone danneggiato dal fumo ha meno elasticità e quindi non torna cosi rapidamente alla forma iniziale. I polmoni dei fumatori sono meno elastici e presentano una crescente difficoltà di espandersi, la rigidità crescente danneggia gli scambi di aria in entrata e uscita. Chi fuma ad esempio per circa 10 anni può già presentare i fattori di rischio per l'eminente sviluppo di tumori, enfisema e bronchite cronica, però se il fumatore smette di fumare è possibile e