Vivere Verde: un blog dedicato alle soluzioni ecologiche: casa, persona, animali, giardino, salute, benessere, cucina vegana e vegetariana, alimentazione

18 luglio 2014

Pulizia e Manutenzione del piano cottura ad induzione


Il vetro del piano cottura ad induzione (o cooktop come viene chiamato all'estero) è appunto molto resistente bisogna fare attenzione perché un urto molto forte o una serie di shock termici possono danneggiare seriamente questo materiale (un esempio: acqua fredda sul vetro acceso).

Su questo materiali devono essere utilizzati solo utensili e pentole in materiale magnetico e quindi non potete usare le normali pentole in rame, acciaio o alluminio ma acquistare qualche pentola adatta alla cottura per induzione. Se non siete sicuri se la vostra pentola è adatta alla cottura ad induzione potete fare un test posizionando una calamita sul fondo della pentola, se rimarrà attaccata allora la pentola può essere utilizzata.



Comunque non basta che la pentola sia fatta con materiale magnetico ma deve avere il fondo completamente piano e questo test può essere fatto appoggiando un righello sul fondo della pentola. Comunque è sempre meglio acquistare delle pentole certificate.

Con il tempo possono comparire macchie bianche sul fondo della pentola e per cancellarle potete strofinarle con aceto o succo di limone meglio ancora se caldi.

Le pentole non devono essere trascinate sul piano ma innalzate altrimenti il piano si righerà e non ci sarò modo per togliere i segni lasciati dalle pentole.

Pulizia e Manutenzione

a) Togliete il cavo elettrico prima delle pulizie

b) Il vetro deve essere freddo

c) Togliere la polvere formate nelle aree di ventilazione e entrata d'aria usando un panno asciutto e/o spazzola morbida

d) Togliere le sporcizie con panno umido, quindi passare una spugna con aceto bianco o alcol rosa o bianco, risciacquare subito con una spugna inumidita con solo acqua e quindi asciugare. Se ci sono sporcizie più tenaci potete strofinare il piano con una spugna morbida (o il lato giallo di una normale spugna da cucina) inumidita e insaponata con detersivo per piatti (anche fai da te) o sapone di marsiglia. Potete usare anche solo bicarbonato. In ogni caso dovete risciacquare bene il piano con spugna umida (soprattutto nel caso del sapone di marsiglia), passare una spugna con aceto bianco o alcol (nel caso del sapone di marsiglia usare l'aceto), risciacquare con spugna umida e asciugare.

e) Se ci sono incrostazioni tenaci non devono essere strofinale a lungo e nemmeno usare materiali abrasivi come paglietta d'acciaio, lato verde della spugna ecc, appoggiate un panno o batuffolo di cottone umido sull'incrostazione, aspettate che questa si rammollisca e quindi procedete con la pulizia.

f) Se ci sono versamenti di liquido togliete il cavo dalla spina e rimuovete il liquido/sporcizia

g) Da evitare: prodotti disincrostanti, acidi forti come ad esempio acido muriatico o prodotti a base di acido muriatico o acido fosforico, prodotti anticalcare, varechina, sbiancanti in generale e pasta abrasiva.

Non dovete mai versare dell'acqua sul piano per pulirlo, usate sempre una spugna umida, secondo me la spugna migliore per pulire questo tipo di materiale è questa qui

Mi è stato regalato una piastra ad induzione davvero molto carina che si riscalda in fretta ed è precisissima per quanto riguarda la temperatura. In ogni modo sto ancora valutando se prendere o meno un intero piano ad induzione visto che ci sono molte questioni da chiarire: so che c'è un minore consumo di corrente elettrica ma allo stesso tempo richiede tanta potenza elettrica (salta il contattore) e quindi il rapporto è da valutare, poi c'è la questione delle onde elettromagnetica (anche se ahimè ormai nuotiamo proprio i queste onde quindi non so se avere un piano in cucina aumenterebbe cosi tanto la mia/nostra esposizione giornaliera) tutto da vedere e se ne avrò altre informazioni utile le condividerò con voi......



Nessun commento:

Powered By Blogger | Template Created By Lord HTML