Post

Sapone di cenere e olio usato fai da te.

Immagine
Una settimana fa, io insieme ad alcune amiche abbiamo deciso di fare il sapone... non un comune sapone ma il sapone di cenere, fatto con olio di frittura usato. Oggi abbiamo visto i risultati e devo dire che il sapone è venuto bene, e almeno abbiamo riciclato un bel po' di olio usato. La particolarità di questo sapone è che sgrassa a fondo e smacchia e sbianca i panni bianchi. La ricetta: 2,5 kg di cenere 5 litri di olio usato (olio vegetale usato nelle fritture) 5 litri di acqua 0,5 kg di soda caustica pentola in acciaio o ferro (non alluminio) cucchiaio di legno grande guanti di gomma mascherina occhiali di protezione (potete acquistare gli occhiali e mascherina in qualche brico o ferramenta, la soda caustica è in vendita in scaglie e anche questa può essere acquistata nei brico, ferramenta, supermercati forniti e alcuni negozi dei cinesi) è importante l'uso di mascherina, guanti e occhiali, visto che si lavora con olio caldo e soda caustica (molto reattiv

Stimolante per piante indebolite.

Immagine
Alcune piante soffrono un pochino con i cambiamenti climatici in questo periodo e s'indeboliscono. Per fortificare le piante preparate un infuso fatto con camomilla e maggiorana (foglie e fiori secchi o freschi) quindi spruzzare piante e terreno. Per primo l'acqua va bollita, poi con la fiamma spenta si aggiungono la camomilla e la maggiorana, e chiudete la pentola. Macerazione: 1 giornata. 1 cucchiaio di camomilla e 1 cucchiaio di maggiorana per 200 ml di acqua. Questo infuso allontana molti parassiti ed è efficace contro le malattie delle piante.

Macchie indelebili sull'acciaio

Immagine
Molte macchie indelebili sull'acciaio escono con una "crema" fatta con sale fino e amido in parti uguali e aceto (o succo di limone) caldo ma non bollente (potete riscaldare in microonde per 1,5 minuti a 800W). Si mischia pian piano dell'aceto in un po' di sale fino fino ad ottenere una pasta abrasiva (il sale non si deve inumidire ma non sciogliersi. è possibile usare solo l'aceto e il sale fino, però alcune macchie vengono meglio "assorbite" quando si usa l'amido. Poi si strofina la macchia con questo sale/aceto, si risciacqua, si versa un po' di alcol rosa e si asciuga. Un'altro metodo è quello di metterci un po' di soda solvay sulla macchia e poi versare dell'aceto. Passato un minuto strofinate la zona interessata con una spugna insaponata quindi risciacquate, versate un po' d'alcol rosa e asciugate.

Vento, pioggia, neve.... non sempre fanno male.

Immagine
Spesso presi dall'ansia di proteggere i bambini, dimentichiamo che li piccoli hanno bisogno di aria... tanta aria rinnovata e pulita, invece spesso li chiudiamo dentro casa. Il vento fa' male, il vento rovina, quante volte qualcuno ha sentito queste frasi...... Nei paesi del Nord Europa i genitori escono tranquillamente con i bambini, anche quando c'è vento, pioggia, neve ecc.... ovviamente indossando gli indumenti necessari Tenere le finestre sempre chiuse, perché d'inverno fa' freddo, perché di primavera e autunno c'è vento e d'estate c'è l'aria condizionata non aiuta a regolare il sistema immunitario dei bambini. Conosco non solo bambini, ma anche adulti che infatti non possono in nessun modo esporsi alle correnti d'aria che si ammalano, succede se uno non è stato abituato. La contraddizione è che tanti genitori non vedono niente di male se il bambino rimane chiuso dentro casa respirando gli odori dei disinfettanti, candeggina e ammon

Pane alla mediterranea

Immagine
L'ingrediente principale di questa ricetta è il pane raffermo, però si può usare anche del pane fresco.... Ingredienti: pane tagliato a cubetti olive nere o verdi fiori di zucca pomodori ciliegino funghi champignon olio EV di oliva basilico pepe mix o verde sale capperi Preparazione: tagliate il pane a cubetti e tostatelo o al forno o in padella antiaderente, oppure sulla piastra. In una ciotola vanno messi: i pomodori tagliati a metà, le olive tagliate a pezzettini (anelli), fiori di zucca interi o tagliate finemente, funghi crudi e tagliati finemente, basilico tagliato finemente e i caperi. Aggiungete il pane e mischiate bene gli ingredienti, poi aggiungete dell'olio EV oliva i.q.b per bagnare tutti i pezzi di pane (non bisogna inzuppare completamente) e quindi aggiungete sale e pepe mix o verde, e mischiate tutto quanto un'altra volta. facendola ad occhio non ho le quantità proprio precise per cui regolatevi voi con i condimenti...

Trattare le macchie appiccicose e ostinate.

Immagine
Per "strappare" via queste macchie dal tessuto: cospargere la macchia con un bel po' di bicarbonato bicarbonato (tipo 1 cucchiaio per 1 macchia da circa 5 cm) e quindi versate dell'aceto i.q.b. per bagnare bene il bicarbonato. Quando sarà finita l'effervescenza lavate la zona macchiata con sapone di marsiglia, lasciate in ammollo e risciacquate. Se rimangono aloni: vestiti bianchi o chiari passate un po' d'acqua ossigenata; vestiti scuri: alcol rosa. Lavatrice alla fine. Un altro rimedio molto efficace è questo: spalmare della margarina sulla macchia, e lavare dunque con sapone di marsiglia dopo una quindicina di minuti, oppure passare la margarina e fare il trattamento sopra elencato. Questi suggerimenti sono utili anche per le macchia di caffè

Poncho/mantella impermeabile

Immagine
è possibile lavare questo materiale in lavatrice tenendo in considerazione alcune accortezze: a) Usare del detersivo liquido, basta circa 1 o 2 cucchiai per capo,  troppo detersivo può lasciare dei segni bianchi sul poncho. b) Mettere in lavatrice a 30 gradi senza centrifuga. Scegliere il ciclo chiamato "bucato a mano", se non esiste nel vostro modello di lavatrice usate un ciclo specifico per la lana. c) Stenderla al rovescio in posto aerato.