>

14 novembre 2018

Post remember: detersivo multiuso per la pulizia del bagno



Questo di oggi è uno dei nostri post remember, cioè uno di quei consigli dati molto tempo fa e magari caduti nel dimenticatoio, e quindi ogni tanto tocca ripescarli perché sono sempre oggetti di domande da parte vostra in un modo o nell'altro.

Allora cos'è un detersivo multiuso? Trattasi di un detersivo (anche fai da te) che può essere utilizzato per pulire più superfici contemporaneamente, nel nostro caso è un semplice detersivo all'aceto che può essere utilizzato per detergere il bagno.

Preparazione:

Spruzzino vuoto
Acqua (anche demineralizzata o piovana va bene)
Aceto bianco (vino, mela, alcol)
Detersivo per piatti a mano biologico e ecologico a basso impatto ambientale.

Realizzazione:

Versare uno o due dita di detersivo in uno spruzzino che di solito vanno da 700 ml a 1 litro.
Versare 100 ml di aceto
Completare con acqua.

E il vostro detersivo è fatto.

Pulizia delle superficie:

a) Pulizie veloci:

Potete semplicemente spruzzare le superficie, aspettare alcuni minuti e risciacquare

b) Pulire a fondo:

Spruzzare il prodotto su una spugna e quindi strofinare le superfici (sanitari, lavandino, rubinetti, ecc), aspettare alcuni minuti e risciacquare. Potete spruzzare l'interno del WC con un po' di prodotti, strofinare con scopino e lasciare agire.

L'aceto è un anticalcare naturale, e 100 ml di aceto sono già sufficienti per sciogliere il calcare, ovviamente aumentando la quantità di aceto si accentuano le proprietà scioglie calcare, in ogni modo evitate di usare l'aceto puro, cioè senza diluirlo con una certa quantità di acqua (usate una diluizione massima  intorno a 1:1 per non danneggiare le superfici). L'unica eccezione è per l'interno del WC che se molto incrostata può essere ammollata con aceto puro.





Potete usare la miscela per pulire anche le piastrelle usando un panno in microfibra umido e quindi ulteriormente inumidito con un po' di detersivo fai da te all'aceto. 

I vetri invece vanno spruzzati con la miscela, poi dovete strofinarli e asciugarli allo stesso tempo con uno straccio in microfibra asciutto.

L'aceto è un anticalcare igienizzante però se volete comunque disinfettare ulteriormente il bagno potete utilizzare un po' di acqua ossigenata 40 volumi sulle spugna e stracci, o interno WC, oppure candeggina delicata bio. Non dovete versare acqua ossigenata nello spruzzino.

Ricordiamo che la miscela aceto e acqua ossigenata è un potente disinfettante.

Usate i guanti mi raccomando!
Continua... ››

13 novembre 2018

Trattamento con olio vegetale caldo e aloe vera per recuperare i capelli secchi.



I capelli secchi e crespi possono essere recuperati con un trattamento termico a base di olio vegetale caldo e aloe vera, questo perché l'olio caldo riesce a penetrare in profondità nella fibra capillare e rilasciare il suo contenuto vitaminico, oltre ad ammorbidire la fibra, l'aloe vera nutre e ristruttura la fibra danneggiata poiché ottima fonte di minerali, vitamine e aminoacidi.

Per fare il trattamento sulle punte o su tutta la chioma dovete scaldare a bagno maria una certa quantità di olio vegetale (argan, jojoba, mandorle ecc), quindi aggiungete un po' di aloe vera previamente schiacciata con una forchetta, (il contenuto bianco a forma di gel contenuta all'interno della foglia). Mischiare con una frusta o con una forchetta e quindi applicare sui capelli inumiditi.



Avvolgere i capelli con uno asciugamano o con una cuffia della doccia o di lana e lasciare agire per 20 minuti, quindi lavare con shampoo delicato e balsamo se necessario. 

Potete fare un risciacquo finale con 1 litro d' acqua in cui avete diluito 1 cucchiaino di aceto di mele, arancio o riso, questo serve per lucidare la chioma. 

Attenzione che l'olio dovrà essere tiepido o leggermente più caldo, non dovete ustionare io cuoio! 




Questo trattamento serve anche per recuperare i capelli maltrattati dalle tinture, decolorazioni, processi chimici, sole ecc, ovviamente fino ad un certo punto, in alcuni casi soltanto la vitamina F può essere di aiuto (cioè F di forbice). 

Io a casa ho la mia piantina di aloe poiché la uso non solo sui capelli ma su tutto il corpo e soprattutto sul viso, però certi supermercati biologici vendono le singole foglie. Se non è proprio possibile usare l'aloe direttamente dalla foglia potete acquistare il gel (erboristeria, farmacia e parafarmacia). 
Continua... ››

06 novembre 2018

5 Consigli per avare una casa (quasi) perfettamente ordinata già di prima mattina


Spesso le case diventano disordinate perché durante la sera le persone coltivano cattive abitudini che contribuiscono al disordine degli ambienti domestici. Alcuni accorgimenti possono aiutare ad avere una casa ordinata già di prima mattina, e come abbiamo già detto: la manutenzione dell'ordine facilita le pulizie.

Stoviglie sempre pulite dopo cena:

Succede soprattutto a chi non ha la lavastoviglie: piatti sporchi nel lavandino che aspettano di essere lavati. Io detesto trovare stoviglie sporche in cucina quando devo fare collazione e quindi cerco di seguire alcuni step per avere la cucina sempre pulita: mentre si cucina si lava! Questo è il mio punto uno, durante la cottura non è ammesso avere accumuli di stoviglie nel lavandino, per cui finite le preparazioni, tutto va lavato a mano o in alcuni casi in lavastoviglie in modo da avere poche cose da lavare dopo cena, quindi poi chiunque può passare in cucina e lavare le poche cose rimaste a mano o in lavatrice.

Può accadere che le pentole si sporchino in modo eccessivo, ad esempio quelle in acciaio spesso si macchiano a contatto con l'acqua di cottura della pasta, in questi casi la pentola va un po' "prelavata", e quindi riempita il quanto basta con acqua e aceto e poi lasciate in ammollo, queste possono essere lavate dopo cena o il giorno dopo, però almeno al momento del lavaggio definitivo saranno perfette.

Vestiti e scarpe al porto loro: 

Lasciare in giro vestiti sparsi sui mobili, o per terra in bagno, scarpe abbandonate all'ingresso ecc non vanno bene, dunque panni sporchi nel cesto degli sporchi o in lavatrice, scarpe al posto loro e vestiti ancora utilizzabili al posto loro.



Ogni cosa al posto suo:

Siete tornati a casa e c'era posta? Allora bisogna sistemare tutti quanto! Ad esempio le bollette da pagare in una scatola o cartella apposita, la pubblicità inutile nel secchio della carta ecc. E questo è un altro consiglio: abbondare con le scatole e altri contenitori per organizzare documenti e oggetti.

Il bagno e le prepulizie:

Dare una ripassata veloce in bagno e mantenerlo pulito sia durante la sera che in mattinata, contribuisce ad evitare di dover fare pulizie troppo impegnative, e poi non c'è una cosa che posa dare un aspetto disordinato alla casa che un bagno non pulito.
Quindi una spugna o uno straccio bagnato con detersivo fai da te, oppure con solo bicarbonato e aceto può velocemente dare un aspetto di pulito al vostro bagno, cosi quando ci sarà l'opportunità di pulirlo per bene sarà molto più semplice.

Scegliere di fare una faccenda impegnativa a settimana:

Scegliete di fare una faccenda impegnativa a settimana sempre durante la sera, o in certi casi nell'weekend per evitare l'accumulo di sporcizia e di svegliarvi in una casa un po' "abbandona". Ad esempio potete spostare la cucina per pulire sotto, o pulire a fondo sotto i mobili, spolverare un ambiente della casa, sistemare dei libri ecc. È sempre meglio "diluire" il numero di faccende da fare in più giorni della settimana piuttosto che dover fare (o non fare), tutto in una giornata.




Continua... ››

Le 7 cose da evitare di avere a casa secondo il feng shui



Feng Shui è un sistema orientale di origine taoista che ha come scopo armonizzare le energie dell'ambiente, facendo con che possa scorrere/viaggiare in armonia, portando benefici alle persone che vivono in un determinato ambiente domestico.

I 7 oggetti/abitudini da evitare secondo il Feng Shui:

Canovacci sopra il coperchio in vetro del piano cottura: Secondo il Feng Shui, i fornello proporzionano prosperità e creatività alla vita dei residenti, e quindi l'abitudine di chiudere il coperchio e posizionarci sopra un canovaccio o tessuti decorativi deve essere abbandonata. I fornelli devono essere necessariamente puliti e il coperchio abbassato quando non utilizzato.


Oggetti sotto il letto: l'energia vitale della terra viene sprecata, se fatte attenzione il letto tipicamente orientale è molto vicino alla terra, poiché le sue vibrazioni contribuiscono a mantenere sani corpo e spirito. In alternativa (o via di mezzo) è quella di acquistare un letto contenitore.

Cactus e piante pendenti dentro casa: secondo il feng shui sarebbe meglio spostarle fuori. Il cactus provoca problemi all'equilibrio emozionale e le piante pendenti portano alla depressione

Quadri e oggetti contenenti messaggi e frasi negative o violente per non interiorizzare questi messaggi.


Oggetti rotti: blocca una perfetta riuscita dei lavori e la completezza del loro ciclo, quindi gli oggetti
rotti devono essere restaurati, riutilizzati per un lavoro artigianale o scartati.

Vasi con fiori morti: blocca la crescita degli affari, studi e vita personale

Calcinacci e accumulo di oggetti da buttare: ovviamente durante i lavori di ristrutturazione bisogna avere un po' di pazienza, però appena finiscono il lavoro tutti i calcinacci devono essere buttati via per non impedire la prosperità dei residenti.

Continua... ››

31 ottobre 2018

Video Lezioni, impariamo a preparare dei giocatoli per i nostri gatti.



I nostri gattini, soprattutto quelli che stanno sempre a casa, hanno bisogno di stimoli per non assumere comportamenti condizionati dallo stress.

Esiste un sito molto interessante con diversi consigli per costruire giocatoli e attrezzi per gatti usando materiali facili da reperire.

Ad esempio potete costruire un "grattaguance" molto utile per rilassare il vostro felino.

Per vedere il video lezione per realizzare questo oggettino, oppure altri ancora visitate il sito:

Cat Lessons
Continua... ››

25 ottobre 2018

Come coltivare i cipollotti a partire dai residui della cucina.


Un modo per riciclare i resti della cucina che probabilmente andrebbero a finire nell'organico? Piantare... semplicemente piantare e vedere cosa succede.

Ovviamente non tutti i pezzettini di frutta e verdura possono poi diventare una pianta vera e propria, però un residuo ideale per fare questo esperimento è il cipollotto.  Come vedere questa è il mio piccolo cipollotto che sta per essere trapiantata in un altro vaso.

Praticamente ho preso un pezzo che comprende la radice e più 2 cm al si sopra della radice, messo in un vaso qualunque e coperto con tre centimetri di terriccio, dopo alcuni giorni sono spuntate le foglie.

Il mazzetto di erba cipollina l'ho acquistato al supermercato. Quando la pianta raggiungerà il doppio dell'altezza posso dividere il piccolo bulbo in due parti cercando di non danneggiare le piccole radici, quindi trapiantare in posizioni diverse e avere da uno scarto ben due cipollotti o cipolle (perché con il tempo diventeranno cipolle), oppure si può lasciare così com'è e utilizzare soltanto le foglie.

E quindi questa è il nostro consiglio per arricchire il nostro piccolo orto sul balcone, terrazzo, fazzoletto di terra o anche giardino in modo molto economico.
Continua... ››